Incendio a Cecima, a fuoco la casa del sindaco Andrea Milanesi: abitazione inagibile

In località Casa Cucchi, fiamme partite dal porticato, pare per cause accidentali, mentre non c'era nessuno in casa. L’allarme lanciato da una vicina che ha visto il fumo

Intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco
Intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco

Cecima (Pavia), 15 gennaio 2024 - Non c'era nessuno in casa quando è divampato l'incendio, con le fiamme che si sono propagate dal porticato all'abitazione. Ad andare a fuoco la casa di Andrea Milanesi, 43enne sindaco di Cecima, comune di poco più di 200 abitanti sulle colline dell'Oltrepò Pavese.

Erano circa le 9 di oggi, lunedì 15 gennaio, quando il fumo è stato visto da una vicina di casa che ha lanciato l'allarme. Alla frazione Casa Cucchi sono intervenuti i vigili del fuoco, con quattro squadre sia da Voghera che dalla sede centrale del Comando provinciale, e i carabinieri della Stazione di Godiasco, della Compagnia di Voghera. Nessuna persona è rimasta coinvolta, ma i danni non sono pochi, tanto che l'abitazione è stata dichiarata temporaneamente inagibile.

In base alla ricostruzione dell'accaduto, si sarebbe trattato di un evento di natura accidentale. Il fuoco si sarebbe infatti sviluppato per un cortocircuito nel porticato esterno, utilizzato come deposito della legna, cosa che ha ovviamente amplificato le conseguenze.

Le fiamme si sono quindi in breve tempo estese anche all'adiacente abitazione, arrivando a raggiungere il sottotetto. Alla fine l'incendio è stato domato dai vigili del fuoco, evitando conseguenze ancora peggiori.