STEFANO ZANETTE
Cronaca

Cristina Frazzica, uccisa in mare a Napoli da una barca pirata: lunedì il funerale a Voghera

Alle 10 in Duomo l’ultimo saluto alla ricercatrice vogherese travolta in kayak domenica scorsa nelle acque di Posillipo

Un post tratto dal profilo Facebook di Cristina Frazzica, vittima dell'incidente in kayak di Napoli

Un post tratto dal profilo Facebook di Cristina Frazzica, vittima dell'incidente in kayak di Napoli

Voghera (Pavia), 16 giugno 2024 – L'ultimo saluto nella sua città. Sarà celebrato nel Duomo di Voghera, alle 10 di domani, lunedì 17 giugno, il funerale di Cristina Frazzica, la 30enne uccisa domenica scorsa nel mare di Posillipo. Dopo l'autopsia effettuata venerdì e il successivo nulla osta dalla Procura, che sta indagando per omicidio colposo e omissione di soccorso, la salma può tornare a Voghera per l'ultimo saluto. 

Già nel pomeriggio di oggi, domenica 16 giugno, alle 17.30, sempre in Duomo, verrà celebrato il rosario in suffragio della giovane vogherese che ha perso tragicamente la vita una settimana fa nelle acque di Napoli. Il mare era la sua passione e l'aveva portata lontana da Voghera: laureata in Biotecnologie, dallo scorso novembre si era infatti trasferita a Napoli, dove era stata selezionata per il percorso di formazione Pharmatech Academy dell'Università Federico II e svolgeva il tirocinio nella sede campana dell'azienda farmaceutica Nouscom, per diventare una figura professionale altamente qualificata nella ricerca e produzione di farmaci a Rna e nella terapia genica.

Approfondisci:

Cristina Frazzica: la laurea in Biotecnologie a Pavia, il legame con Voghera e la nuova vita a Napoli. Chi era la pavese travolta in kayak

Cristina Frazzica: la laurea in Biotecnologie a Pavia, il legame con Voghera e la nuova vita a Napoli. Chi era la pavese travolta in kayak

Un brillante futuro che è stato tragicamente spezzato dalla barca che ha travolto il kayak al largo di Posillipo per poi fuggire. L'amico che era con lei sulla canoa è stato soccorso circa mezz'ora dopo dalla stessa barca accusata dell'incidente, anche se il figlio del proprietario, indagato dalla Procura di Napoli, sostiene che né lui né gli altri ospiti a bordo si siano accorti dell'incidente, ma abbiano solo visto il superstite a poppa, tornando indietro per soccorrerlo. Il corpo di Cristina Frazzica era invece stato recuperato ormai privo di vita.