Colli Verdi, Carlo Giovanni Gatti trovato morto in casa: la badante arrestata per omicidio

L'ex moglie del nipote, che accudiva l’anziano, portata in carcere dai carabinieri. Davanti al pm si è avvalsa della facoltà di non rispondere

Rilievi dei carabinieri a Colli Verdi
Rilievi dei carabinieri a Colli Verdi

Colli Verdi (Pavia), 5 febbraio 2024 - E' in carcere, accusata di omicidio volontario. Liliana Barone, 45 anni, è stata arrestata dai carabinieri di Voghera per la morte di Carlo Giovanni Gatti, 89enne trovato morto nella mattinata di ieri, domenica 4 febbraio, nella sua casa in località Canavera di Ruino, frazione di Colli Verdi.

La donna, ex moglie del nipote della vittima, che accudiva come badante vivendo nella medesima abitazione con anche il figlio di lei, che però era fuori di casa per il fine settimana, avrebbe detto ai soccorritori "L'ho ucciso io", incolpandosi così per la morte dell'anziano. Accompagnata dai carabinieri in caserma a Voghera per far luce sull'accaduto, la donna, in evidente stato confusionale, si è poi avvalsa della facoltà di non rispondere, su consiglio dell'avvocato nominato d'ufficio, all'interrogatorio del pm, il sostituto procuratore Paolo Mazza. Ed è scattato l'arresto, con la donna portata in serata nella sezione femminile del Piccolini di Vigevano.

Nel frattempo l'abitazione è stata posta sotto sequestro per ulteriori accertamenti, che insieme all'autopsia potranno chiarire la dinamica dell'accaduto. La vittima è stata trovata nella camera da letto, a terra, con una ferita alla nuca, che ha provocato un'abbondante perdita di sangue.