Monza calcio
Monza calcio

Monza, 31 agosto 2018 - Il Monza accende i motori. Bagno di folla ieri per la truppa di patron Nicola Colombo, presentata in pompa e magna in centro città, nell’ambito della kermesse di eventi organizzati per il Gran Premio. Sotto il Comune, i biancorossi hanno sfilato davanti ai tifosi più fedeli e ai tanti curiosi a passeggio in Piazza Trento e Trieste. Al motto di quel ‘#Be together’ che ha risvegliato la voglia di cadetteria dell’ambiente brianzolo, i tifosi hanno trasmesso ai ‘bagaj’ tutta la loro carica e passione in vista dell’inizio del campionato. Non sono mancati i cori degli ultras che con il loro festoso corteo hanno dato il via alla serata, iniziata con il sentito e doveroso ricordo dei tifosissimi da poco scomparsi: Sandro Meregalli, Antonio Giardini e Angelo Scotti. E poi i tantissimi applausi per gli uomini di mister Marco Zaffaroni a testimoniare un rapporto tra tifo e squadra che sta diventando di giorno in giorno più stretto.

«Non avevo mai giocato in una piazza con il tifo così vicino. – spiega Ruggero Riva – Pronti a partire? Assolutamente sì: siamo pronti a sacrificarci e a dare tutto per la maglia». Parole a cui fa eco capitan Guidetti, carico più che mai a trasmettere ai giovani e ai nuovi arrivati ‘la costanza nel lavoro e nella fatica». L’ovazione della piazza è arrivata chiaramente con il reparto offensivo, rafforzato con gli acquisti ‘a ritmo di samba’ di Reginaldo e Jefferson. «Ho scelto Monza perché ho da subito avuto sensazioni positive su questo progetto. – spiega Reginaldo - Quanti gol voglio fare? Io devo solo pensare a lavorare per la squadra, poi i gol arriveranno». E poi Jefferson: «Amo l’Italia: non soffro certo di saudade. Sto scoprendo di giorno in giorno la città di Monza: sono molto contento di essere biancorosso e sono motivatissimo per questa nuova sfida».

Un coro speciale poi non poteva mancare per il pupillo Andrea D’Errico che ha fatto sognare il popolo del Brianteo: «Sono a Monza da quattro anni: la serie B sarebbe una grande soddisfazione e un traguardo per questo percorso di crescita che stiamo facendo». Di cadetteria ha parlato anche il presidente Nicola Colombo: «Non abbiamo preso il Monza per restare in Serie C: ho una gran voglia di vincere e di fare il salto di categoria. Abbiamo rafforzato la squadra: non dovremo avere paura di nessuno». In chiusura riflettori ancora puntati sui tifosi che si sono dati appuntamento alla prima giornata di campionato con quel «Noi vogliamo una squadra che ci porti in serie B» che parla da solo.