MONICA GUZZI
Cultura e Spettacoli

Monza: pop art e cartoon, esplosione di colori in Villa Reale

Arrivano questa settimana la personale di Sam Havadtoy e la mostra mondiale sul fumetto asiatico

Mostra di fumetti e cartoon in Villa Reale

Mostra di fumetti e cartoon in Villa Reale

Monza, 18 febbraio 2018 - Dal mondo dei manga e del fumetto asiatico alla personale di Sam Havadtoy, uno dei nomi più originali della scena artistica newyorkese, la cui attività ha più volte incrociato la strada di personaggi come Keith Haring, John Lennon o David Bowie. La Villa Reale parla un linguaggio internazionale e si prepara ad aprire le sue antiche stanze a due mostre particolari, all’insegna dei fumetti e del colore. Le sculture in bronzo che riproducono eroi dell’animazione come Bugs Bunny e Betty Boop sono il biglietto da visita del primo evento: sarà inaugurata negli Appartamenti reali martedì e potrà essere visitata fino al 22 aprile la mostra “Sam Havadtoy. Nobody sees me like I do”. L’esposizione riflette sul concetto di originalità e autenticità, presentando una serie di opere inedite, tra sculture, dipinti, oggetti e arazzi dell’artista, amico di Andy Warhol e Yoko Ono.

Mostra di fumetti e cartoon in Villa Reale
Mostra di fumetti e cartoon in Villa Reale
HOKUSAI_HOUSEOFBROKENPLATES_FROM100GHOSTTALES_1831-2_WOO_WEB
HOKUSAI_HOUSEOFBROKENPLATES_FROM100GHOSTTALES_1831-2_WOO_WEB

La mostra arriva a Monza dopo l’anteprima di Roma al Palazzo delle Esposizioni e propone tavole originali e volumi di fumetti provenienti da tutta l’Asia che di rado hanno oltrepassato i confini dei loro paesi di origine. Curata da Paul Gravett e da un team di oltre venti esperti, l’esposizione offre ai visitatori opere provenienti da Giappone, Corea, India, Cina, Taiwan, Hong Kong e altri paesi, oltre a uno spaccato del processo creativo e produttivo, con le sceneggiature, gli schizzi e i layout delle pagine finite. La proposta è articolata tra film e serie televisive d’animazione, musica, videogame, moda e arte contemporanea. Non manca anche una selezione di costumi indossati dai personaggi manga più famosi ed iconici: gli abiti originali di Sakura di Cardcaptor Sakura, Gong dell’omonimo manga o June May di Cloth Road e molti altri costumi premiati nelle fiere internazionali. Oltre alle 281 tavole originali e ai 200 volumi di fumetti, saranno esposti anche facsimili digitali in alta risoluzione e oggetti: la scrivania originale di un mangaka (in lingua giapponese autore e disegnatore di manga), alcuni kaavad, i santuari portatili usati dai cantastorie del Rajasthan, abiti ispirati ai manga e il fantastico Mechasobi, in cui si può ammirare un mecha (i celebri robot presenti in molti manga) interattivo di ultima generazione.