Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 mar 2022

Videoarte protagonista al Mac

Da domani una carrellata delle opere più significative dell’ultimo anno attraverso le creazioni di dieci autori

18 mar 2022
fabio luongo
Cronaca
Un frammento dell’opera di Papanti
Un frammento dell’opera di Papanti
Un frammento dell’opera di Papanti
Un frammento dell’opera di Papanti
Un frammento dell’opera di Papanti
Un frammento dell’opera di Papanti

di Fabio Luongo

Un panorama della nuova videoarte italiana e della produzione audiovisiva sperimentale portata avanti nel nostro Paese. Una carrellata che prova a mettere in fila le opere più significative dell’ultimo anno, attraverso le creazioni di 10 diversi autori. È quanto proporrà da domani e per due settimane il Museo d’Arte Contemporanea di viale Elisa Ancona con la mostra “Panoramica*21 - Cambiamenti di stato“, che si potrà vedere allestita tra il primo e il secondo piano della struttura espositiva. Qui fino al 3 aprile si potranno scoprire i video realizzati dagli artisti Apotropia, Sonia Laura Armaniaco, Gianni Barelli, Matteo Campulla e Silvia De Gennaro. E poi quelli di Simona Da Pozzo, Gianmarco Donaggio, Benedetta Fioravanti, Lorenzo Papanti e Duccio Ricciardelli. La mostra è composta da una selezione di opere del progetto portato avanti da Visualcontainer, piattaforma fondata nel 2008 e dedicata alla ricerca, valorizzazione e diffusione di creazioni di videoarte e new media: quelle che si possono ammirare al MAC sono opere considerate le più rappresentative dell’anno passato. Attraverso un bando pubblico Visualcontainer ha raccolto video di artisti che vivono e lavorano in Italia, sia già affermati sia giovani ed emergenti: ne sono state quindi scelte 10 "sulla base dell’originalità del linguaggio, della ricerca e della sperimentazione contemporanea del mezzo audiovisivo".

A legare come un filo rosso le diverse opere è l’idea del cambiamento di stato, del passaggio, dell’oltrepassamento di una soglia. Ad affiancare la mostra, due incontri: uno domani alle 18 e uno giovedì alle 21.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?