CRISTINA BERTOLINI
Cronaca

Stop al bus per Sesto La domenica tutti a piedi

Il quartiere San Fruttuoso, ottomila residenti, rimane isolato nei festivi. Il comitato di zona: "Si fa di tutto per spingere all’uso del mezzo privato".

Stop al bus per Sesto  La domenica tutti a piedi

Stop al bus per Sesto La domenica tutti a piedi

di Cristina Bertolini

Il quartiere San Fruttuoso resta senza collegamenti per Sesto Fs la domenica e nei festivi.

"Dal 17 settembre le corse del bus Z222 non saranno più effettuate alla domenica e nei giorni festivi": è l’avviso stringato che compare sul sito di Autoguidovie. Ed è subito polemica.

A sollevare il caso è l’ex sindaco Simone Villa, oggi consigliere di centrodestra: la linea Z222 serve il centro storico, via Cavallotti e San Fruttuoso (circa 8.000 abitanti), per cui è l’unico collegamento con Sesto Fs e la metropolitana, linea rossa. "L’avviso appare solo sul sito di Autoguidovie – sottolinea Villa – quindi il servizio viene soppresso senza dare adeguata informazione. Sarebbe interessante conoscere la strategia dietro a provvedimenti che incidono profondamente sulla quotidianità e sulle esigenze di mobilità di tante parti del territorio".

A San Fruttuoso sono tutti preoccupati. Spiega Andrea Seggioli, portavoce del Comitato San Fruttuoso: "Questa linea, molto utilizzata, era già stata pesantemente ridimensionata qualche anno fa. Nei festivi, anche i bus urbani sono ridotti al minimo. Anziché favorire la mobilità sostenibile e i mezzi pubblici, si fa di tutto per spingere all’uso del mezzo privato".

Autoguidovie risponde che da Monza la linea di forza verso Sesto metropolitana è la Z221, che resta attiva anche nei festivi e che parte dal centro, come la Z204 che porta alla metropolitana di Cologno. "Un’azienda trasporti come Autoguidovie segue le regole dettate dall’Agenzia della Mobilità che ha imposto di non toccare la Z221. Per questo, se occorre togliere organico per le corse festive è stata scelta la Z222, meno utilizzata domenica e festivi". Molto dispiaciuti anche gli attivisti di Fiab Monza in bici, come sottolinea Massimo Benetti, tra i promotori del movimento: "Noi siamo per la mobilità ciclistica, ma il mezzo pubblico toglie auto dalla strada, agevolando anche le bici". "Proprio per domenica 17, alle 17.30 – anticipa la presidente di Monza in bici Saveria Fontana – nell’ambito del Festival del Parco, in area Mirabello abbiamo invitato lo psicologo Antonio Consiglio a presentare il suo libro “Cambiare mobilità, Cambiare mentalità“.