Cani e umani al parco in una foto L.Gallitto
Cani e umani al parco in una foto L.Gallitto

Monza, 29 giugno 2019 - Vita dura per i padroni maleducati e un aiuto concreto agli animali selvatici del Parco spesso vittime di cani lasciati liberi senza guinzaglio o museruola. Arrivano i Park Angel, volontari precedentemente formati che saranno impegnati nel presidio del grande polmone verde, sensibilizzando i cittadini al rispetto delle regole. Infatti, malgrado la presenza di un regolamento del Parco e dei Giardini Reali che impone di tenere i cani al guinzaglio, oppure liberi ma con la museruola, sono tanti i cani che corrono liberamente. Diversi, anche nelle ultime settimane, gli episodi di aggressioni nei confronti di altri cani o della fauna selvatica. Ma anche nei confronti di runner e di ciclisti. Un problema che era sorto anche la scorsa estate, all’interno dei Giardini Reali: a farne le spese erano stati scoiattoli e cigni. Dall’autunno tolleranza zero per i padroni maleducati: al Parco arriveranno i nuovi volontari che, con la loro pettorina bianca e rossa, sorveglieranno e sensibilizzeranno la popolazione sull’importanza del rispetto delle norme, ma interverranno anche in caso di ritrovamento di animali feriti. I Park Angel avranno anche un compito divulgativo, trasformandosi in ciceroni in grado di fornire informazioni sul grande patrimonio storico e naturale dei Giardini Reali.

Un'iniziativa fortemente caldeggiata dagli animalisti e che nelle scorse settimane si è concretizzata durante la discussione al Tavolo del Benessere degli Animali promosso dal Comune. «Monza ama gli animali, ma non i proprietari incivili - commenta il sindaco Dario Allevi -. Con i Park Angel avremo un ulteriore presidio qualificato sul territorio, sia per una maggiore sicurezza e vivibilità del nostro polmone verde, sia come strumento di contrasto dei fenomeni di maleducazione e inciviltà ». Una figura che fin dall’anno scorso era stato sollecitata dalle associazioni animaliste; un tema che sta molto a cuore anche ai fruitori del Parco che sui social si sono spesso lamentati per la presenza di cani lasciati liberi. Un pericolo, non solo per gli altri animali, ma anche per i bambini e gli anziani. «L’azione del Park Angel dovrà essere rivolta alla sensibilizzazione ambientale - commenta all’assessora all’Ambiente Martina Sassoli -. I volontari dovranno diffondere quotidianamente a un pubblico sempre più vasto i valori del rispetto dell’ambiente».

Per diventare Park Angel c’è tempo fino al 20 settembre: i candidati (cittadini attivi maggiorenni, gruppi informali, comitati e associazioni) potranno aderire al patto di collaborazione compilando il modulo scaricabile dal sito www.monzapartecipa.it e inviandolo all’indirizzo email benicomuni@comune.monza.it, oppure consegnarlo ai Centri Civici della città. La formazione partirà in autunno e subito dopo gli angeli del Parco entreranno in azione.