GABRIELE BASSANI
Cronaca

Tutti a lezione di combattimento: Enrico Perego, il poliziotto maestro e i suoi ragazzi da far crescere

Agente della Provinciale, è istruttore di arti marziali per oltre mille giovani

Enrico Perego

Enrico Perego

Ceriano Laghetto (Monza e Brianza), 3 aprile 2024 - Poliziotto per mestiere, maestro di combattimento per passione.

"Vedere un ragazzo e una ragazza, magari con qualche difficoltà caratteriale, che crescono non solo nel fisico ma anche nell’autostima diventando adulti consapevoli, è una soddisfazione impagabile" racconta Enrico Perego, sovrintendente della polizia provinciale di Monza e Brianza, istruttore di tecniche operative di polizia ma anche maestro cintura nera 4° dan di kickboxing e maestro Krav maga 3° livello.

È stato tra i primi, poco più che ventenne, a praticare la kickboxing con regolarità, quando in Italia la disciplina era ancora semisconosciuta. Oggi, con lui sono oltre 1.000 i ragazzi che avvicinandosi a questa e altre discipline di combattimento, hanno cambiato carattere e imparato a superare i tanti piccoli e grandi ostacoli della vita.

"Li accompagno nella crescita dai 6 ai 18 anni, poi scelgono se proseguire con l’attività agonistica, ma intanto hanno superato la fase più critica ed escono profondamente cambiati" racconta.

La passione per gli sport da combattimento arriva da lontano, anche se la sua esperienza personale non l’ha mai portato a gareggiare ad alto livello, quanto a cercare di perfezionarsi continuamente nel ruolo di istruttore, diventando nel tempo formatore Asi (Associazioni sportive e sociali italiane) e responsabile nazionale dei settori difesa personale, krav maga Iaksa sul fronte sportivo, mentre su quello professionale, dal 2005 ha effettuato circa 150 corsi addestrando e formando allievi della polizia locale in “tecniche operative di polizia“, "seguo l’esempio di mio padre: lui pur non avendo grandi basi, aveva una capacità speciale di relazionarsi con i suoi allievi a cui sapeva trasmettere sicurezza e convinzione dei propri mezzi" racconta oggi Enrico che al padre, Gianpietro Perego scomparso 5 anni fa, ha dedicato un memorial di gare da combattimento.

Oggi, che è affiancato dal figlio Leonardo, 22 anni, è impegnato soprattutto nelle palestre di Ceriano Laghetto, Besana Brianza e Lesmo, dove ogni giorno è impegnato con gli allenamenti dei suoi allievi da boxe light alla kick light al light contact al point fight, versioni “leggere“ studiate appositamente per i giovani e i giovanissimi, che non prevedono il contatto diretto. "C’è un grande lavoro mentale da fare con i ragazzi per aiutarli a scoprire il loro potenziale e convogliare tutte le loro energie in una attività fisica dominata da una forte disciplina".