Incidente mortale a Concorezzo, la vittima è Filippo Reganati di 54 anni

Nessun testimone, l’incidente è avvenuto all’ora di punta lungo la strada provinciale 2 diretta a Monza. L’uomo residente in paese si stava dirigendo verso il posto di lavoro

L’incidente è avvenuto sulla Sp 2 a Concorezzo

L’incidente è avvenuto sulla Sp 2 a Concorezzo, purtroppo per il motociclista non c’è stato nulla da fare nonostante l’immediato intervento delle ambulanze

Concorezzo (Monza e Brianza) – Auto contro moto all’ora di punta, di buon mattino, non ce l’ha fatta il motociclista di Concorezzo che è morto al pronto soccorso del San Gerardo per i traumi riportati nel frontale. Tragedia sulla Sp 2, la vittima è Filippo Reganati, 54 anni, abitava in città. Ieri, alle 8, il drammatico incidente sulla provinciale, l’uomo, in sella a uno scooter, secondo la prima ricostruzione dei fatti, era diretto a Monza, stava andando al lavoro. È successo tutto in pochi, drammatici, istanti. La marcia, il solito rito quotidiano, e poi l’imprevisto, la collisione e il rovinoso volo a terra. Buio totale.

Nessun testimone aiuterà la polizia locale, incaricata dell’indagine, a ricostruire l’accaduto, eccetto l’automobilista che ha prestato le prime cure e ha lanciato l’allarme. Il punto in cui è avvenuto l’impatto è lontano dal centro abitato. Spetta agli agenti della polizia locale a questo punto comprendere cosa sia successo esattamente e perché ma finché non avranno rimesso in fila l’intera sequenza, c’è spazio solo per le ipotesi.

Una distrazione? Un malore? Oppure una manovra azzardata? Tutto è possibile in questa fase, per ora non si esclude nulla. Le condizioni del 54enne sono sembrate subito disperate, i soccorritori, un’ambulanza e un’automedica, sono però riusciti a stabilizzarlo e a trasportalo in codice rosso all’ospedale, dove, però, i sanitari, dopo aver tentato con ogni mezzo di rianimarlo, hanno dovuto arrendersi all’evidenza: le ferite causate dall’impatto non gli hanno lasciato scampo. Troppo gravi. Lo scontro è avvenuto mentre in via Primo Maggio era ancora in corso il devastante incendio che ieri ha cancellato tre capannoni in poche ore. Il sindaco di Concorezzo, Mauro Capitanio, ha espresso "cordoglio e vicinanza alla famiglia da parte di tutta la comunità. È un lutto gravissimo, siamo tutti sotto choc".

Paura anche ieri sera, quando in seguito a un altro incidente sulla Statale 36 con un’auto in fiamme all’altezza di Veduggio, la strada è stata chiusa temporaneamente.