Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 mag 2022

"In Comune intreccio tra interessi privati e politici"

La requisitoria fiume del processo per corruzione nell’urbanistica: rapporto stretto tra l’ex sindaco Mazza e il costruttore Lugarà

17 mag 2022
stefania totaro
Cronaca
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre
La requisitoria della pm Giulia Rizzo si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre

di Stefania Totaro "Il Comune di Seregno teatro di una convergenza illecita tra interessi privati e politici in un panorama corruttivo che vedeva al centro l’interesse di un singolo imprenditore a cui veniva asservito l’interesse pubblico per uno scambio elettorale". E’ la conclusione della pm Giulia Rizzo nella requisitoria fiume del processo al Tribunale di Monza per la presunta Seregnopoli nell’urbanistica, che si concluderà il 20 giugno con le parole del pm Salvatore Bellomo e le richieste di condanna. Poi la parola passerà anche alle richieste del Comune di Seregno che si è costituito parte civile. Le altre due udienze al momento fissate di questo processo infinito che si è aperto tre anni fa sono a settembre e dicembre. Ieri sotto la lente di Giulia Rizzo il principale capo di imputazione, quello nei confronti del costruttore Antonino Lugarà e dell’ex sindaco Edoardo Mazza per la realizzazione di un supermercato nell’area dismessa della ex Dell’Orto in via Valassina a Seregno. "Le indagini sono iniziate da un esposto presentato nel 2015 dall’allora sindaco Giacinto Mariani che segnalava anomalie nelle pratiche di edilizia privata gestite dall’allora dirigente Calogero Grisafi, poi morto suicida - ha ricordato la pm - Indagando è emersa la figura di Lugarà, che vuole che la sua pratica venga approvata velocemente e contatta tutti i funzionari, primo tra tutti Grisafi, ma poi si rende conto di avere puntato sul cavallo sbagliato e punta allora sul candidato sindaco Mazza. L’accordo corruttivo sottostante alla campagna elettorale è l’ultima occasione per Lugarà per portare a termine l’impegno con la società per la realizzazione del supermercato, un’operazione da 3 milioni di euro". L’accordo è possibile "grazie alla caratura del personaggio del costruttore che vanta conoscenze in ambito politico, sanitario, istituzionale e anche nell’ambito della criminalità organizzata", sostiene la pm, che ricorda l’aperitivo elettorale a Seregno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?