Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

Bovisio Masciago, guidava da 30 anni senza patente: fermato dalla Locale

Non essendo mai stato pizzicato è stato solo sanzionato, in più non aveva assicurazione e revisione: multa da 5mila euro

veronica todaro
Cronaca
I controlli della Polizia Locale
I controlli della Polizia Locale

Bovisio Masciago (Monza e Brianza) - Tre storie diverse con protagonista la Polizia locale di Bovisio, impegnata nei controlli sul territorio. È di ieri la notizia di un uomo di Limbiate, 51 anni, fermato sulla Nazionale dei Giovi. Dai controlli gli agenti hanno scoperto che era alla guida pur non avendo mai conseguito la patente. In 30 anni non era mai stato fermato. Per questo motivo lo hanno solo sanzionato (se fosse stata la seconda volta, sarebbe scattata la denuncia). Come se non bastasse l’automobilista conduceva anche una vettura non revisionata e senza assicurazione. In totale circa 5 mila euro di multa. A proposito di assicurazione, ha dell’incredibile la storia di un altro automobilista fermato sempre sulla Nazionale dei Giovi, un uomo di 48 anni residente a Senago. Un controllo di routine, ma è risultato sprovvisto di assicurazione. "Non è possibile - ha ribattuto l’automobilista - io la pago regolarmente". Di fronte all’insistenza degli agenti, il senaghese ha spiegato che è la moglie a occuparsi di queste incombenze. Quindi hanno deciso di chiamarla. «Certo che l’ho pagata - ha affermato la donna - anzi, dobbiamo rinnovarla entro il 7 febbraio perché scade". A quel punto si è deciso di fare un secondo passaggio, telefonando alla compagnia assicuratrice. Questa ha confermato che l’assicurazione era stata sospesa, poiché risultava il decesso dell’uomo. Si trattava di un omonimo.

L’automobilista, insomma, era in giro con la coscienza pulita, ma l’assicurazione lo ha messo nei guai. Per lui, infatti, 800 euro di multa oltre al sequestro della vettura. Ora, naturalmente, inizia la sua battaglia con l’assicurazione per il danno subito. È andata peggio ad un uomo di Lissone di 63 anni, fermato in via Desio. Anche in questo caso un controllo di routine. L’automobilista risultava senza assicurazione. Visti gli accertamenti fatti consultando la banca dati (un pregiudicato per reati contro il patrimonio), è stato fatto un controllo più approfondito. Si è così scoperto che era al volante di una Fiat Croma, sottratta con la truffa al legittimo proprietario, un uomo di 60 anni residente a Leggiuno in provincia di Varese, che aveva messa in vendita la vettura con un annuncio su un sito. Si era fatto vivo come acquirente un 51enne di Lainate, che si era presentato con un assegno postale per il pagamento. Un presupposto ce aveva fatto sentire più tranquillo il venditore, che tuttavia andando in banca aveva scoperto successivamente di non poterlo incassare: l’acquirente infatti non poteva firmare assegni perché già segnalato per precedenti episodi. Quell’assegno, insomma, era carta straccia. Qualche giorno fa, su quell’auto, gli agenti di Bovisio Masciago hanno trovato il lissonese. Ha spiegato che aveva in ballo uno scambio di vetture con l’acquirente truffatore: è stato denunciato per ricettazione. L’auto è stata restituita al legittimo proprietario.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?