BARBARA APICELLA
Cronaca

Gli animali fanno bene. Scacciano la solitudine e mantengono in forma. Parola di scienziato

I risultati dello studio di Ultima svelato nella sede dell’Enpa: l’interazione abbassa la pressione sanguigna, aumenta la socialità e contribuisce a ridurre il senso di depressione degli esseri umani.

Gli animali fanno bene. Scacciano la solitudine e mantengono in forma. Parola di scienziato

Gli animali fanno bene. Scacciano la solitudine e mantengono in forma. Parola di scienziato

Che i nostri amici a quattro zampe migliorassero la nostra vita e le nostre relazioni è cosa risaputa. Ma adesso a dimostrarlo è anche la scienza. Uno studio condotto da Ultima (azienda esperti dell’alimentazione per cani e gatti) e presentato giovedì nel canile dell’Enpa di Monza ha fatto emergere che chi vive con animali domestici mostra migliori indicatori di salute. L’interazione con i nostri animali comporta diversi benefici per la salute fisica e mentale, come l’abbassamento della pressione sanguigna, la riduzione della solitudine e della depressione, l’aumento della socialità e la motivazione a svolgere attività all’aria aperta. La presentazione è stata anche l’occasione per lanciare la campagna nazionale promossa da Ultima per sostenere l’adozione degli animali nella certezza che avere un cane o un gatto migliora la nostra salute. Saranno anche animali, ma ci rendono più umani: questo lo slogan protagonista del cortometraggio che l’azienda ha realizzato in collaborazione con l’Enpa per sensibilizzare sul valore che gli animali hanno nella vita di chi li accoglie. Il cortometraggio (che sarà trasmesso per 5 settimane in tv) racconta la storia di un anziano che vive da solo e che, solo all’apparenza burbero e scontroso, cambia in meglio quando arrivano due ospiti inaspettati: il cane e il gatto della figlia che per una settimana si deve assentare e che al ritorno scopre un papà completamente diverso. Più umano.

Tanto che l’uomo decide di recarsi nel canile per aprire definitivamente le porte della sua casa a un cane. Perché effettivamente – come dimostrato alcuni studi condotti da Ultima in diversi Paesi europei e comprovati da Jaume Fatjò (dottore in medicina veterinaria e direttore della cattedra della Fondazione Affinity Animali e Salute all’Università di Barcellona) – questo legame emotivo influenza positivamente non solo l’animale ma anche chi sceglie di accoglierlo nella propria casa. Dallo studio risulta che l’interazione con gli animali domestici inneschi reazioni neurochimiche che ci fanno sentire bene e felici in quanto il contatto con loro libera ossitocina, dopamina ed endorfine nel cervello, il che può essere paragonato agli effetti di una “Spa biologica”.

A supporto dello studio Ultima ha anche effettuato un’indagine su un campione di 1.115 di persone che vivono con un cane o con un gatto: l’85,2% degli intervistati ha dichiarato che il loro animale domestico li ha influenzati in modo positivo e arricchente, evidenziando i sentimenti di compagnia e felicità mentre l’89,3% ritiene che un animale domestico aiuti a gestire meglio lo stress. Per il 91,6% degli intervistati l’animale domestico aiuta a ridurre l’ansia valutando la loro felicità con il proprio animale con un valore di 8,7 su 10.

Uno studio che in molti hanno potuto testare personalmente soprattutto durante gli anni della pandemia quando la presenza di un animale domestico ha senza dubbio aiutato a superare un periodo molto difficile e stressante. Un periodo che ha visto i box dei canile (quello di Monza compreso) svuotarsi. Per poi, purtroppo, pian piano tornare a riempirsi. Ma una vita accanto a un amico a 4 zampe sicuramente è diversa, perché saranno anche animali ma ci rendono più umani.