Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
1 lug 2022
1 lug 2022

"Cybercrime, serve l’identificazione digitale"

Il presidente della Commissione Antimafia Morra: "Prevenzione e repressione, fenomeno vasto e pericoloso"

1 lug 2022
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»
Il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ha parlato di «un fenomeno particolarmente redditizio e sempre più in espansione»

"Il crimine organizzato e le mafie possono contare su menti sempre più raffinate, disponibilità di tecnologie all’avanguardia e risorse economiche con cui prendere possesso della rete, delle reti, ed operare formidabili crimini".

Lo ha detto il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, nel corso del suo intervento al convegno “Cybercrime e gestione del rischio in azienda - Cyber mafie, il nuovo business criminale passa dal web? Gestione del rischio cyber, investire oggi per non pagare domani“, in corso ieri a Monza.

"Fra gli strumenti di prevenzione – ha aggiunto il senatore – è importante l’identificazione digitale degli individui che divengono cittadini di tale dimensione nell’ambito della fruizione di alcuni servizi sempre più soggetti a truffe".

"Il fenomeno è molto vasto e pericoloso, basti pensare che nel solo 2020 soltanto le banche americane hanno perso oltre un miliardo di dollari per rapine e furti di tipo tradizionale e ben quindici miliardi di dollari a causa del cyber-crime".

Secondo Morra "l’Italia deve essere un Paese all’avanguardia nella lotta e nella repressione di queste nuove mafie, ma ancora tanto c’è da fare e questi momenti di confronto, che condivido ampiamente, contribuiscono a tenere alta l’attenzione di investigatori, inquirenti, legislatori e politici".

Ha poi spiegato: "Vorrei sottolineare quanto sia importante analizzare il tema del cybercrime in questo periodo in cui le guerre, purtroppo, si svolgono su più campi, esattamente come la vita dell’uomo si svolge su più dimensioni, inclusa quella digitale, vera caratteristica degli ultimi decenni".

Perché "quello che affrontate oggi è un fenomeno particolarmente redditizio per le mafie (si pensi al gioco d’azzardo online) e sempre più in espansione a causa del rischio più basso rispetto al crimine per come realmente si concretizza".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?