Vignate, Silvia Schiantarelli candidata sindaca: “Nuovi impulsi per la città. Ci siamo e siamo pronti”

Ex insegnante di educazione musicale, assessore uscente all’Istruzione. È nella lista che governa il paese da decenni

Silvia Schiantarelli, candidata sindaca a Vignate

Silvia Schiantarelli, candidata sindaca a Vignate

Vignate (Milano) – Ultimo anno di mandato per il sindaco uscente Paolo Gobbi in scadenza, ed è Silvia Schiantarelli, ex insegnante di educazione musicale, oggi casalinga 56 enne, mamma di due figli, assessore uscente all’Istruzione, la candidata sindaca della lista Insieme per Vignate, alla testa dell’amministrazione comunale ormai da decenni.

Candidatura formalizzata ormai da tempo, "ci siamo mossi subito, e subito abbiamo scoperto le carte - dice - per trasmettere un messaggio ai cittadini: ci siamo, e siamo pronti. A breve partirà la vera campagna elettorale". Schiantarelli è bergamasca d’origine, residente a Vignate dal 2004.

"Il mio grimaldello per l’attività pubblica e l’impegno civico è stata sicuramente la scuola. Ho iniziato con i gruppi di genitori, poi sono stata a lungo presidente del consiglio di istituto. Ho seguito a lungo un progetto di educazione musicale e poi fondato la Lag, Libera associazione genitori. E infine l’approdo in consiglio comunale, prima come consigliere delegato, e poi, con le stesse deleghe, da due anni, come assessore. Raccolgo un’eredità importante, quella di Paolo Gobbi: ho ammirato molto il suo lavoro in questi anni. Lui è un super uomo: comune, un lavoro impegnativo, famiglia, figli piccoli. È un testimone importante quello che raccolgo, ne sento tutta la responsabilità". Programma in via di lima, lista praticamente pronta, fra personaggi rodati e nuovi ingressi. La candidata sindaca ha delle priorità. "Sono determinata a dare un impulso forte alla cultura, al sociale, alle politiche giovanili. Molto è stato fatto, ma molto è ancora da fare".

Uno sguardo speciale ai giovani: "Bisogna intercettarli, trovare le proposte giuste. Anche Vignate, pure un paese tranquillo, fa i conti con qualche frangia di delinquenza minorile, con lo spaccio, con quello che accade un po’ ovunque. Tutto questo mette nelle nostre mani una grande responsabilità".

Altri progetti per la città? "Molto sarà in linea di continuità con quanto intrapreso negli anni scorsi. Ci apprestiamo a inaugurare la nuova piazza Leonardo Da Vinci. Si andrà a completare la ciclabile fra Vignate e Liscate, un’opera fondamentale in funzione sicurezza. E vi saranno investimenti particolari sul centro sportivo, sempre nell’ottica di coinvolgere società sportive e associazioni".

Un’aspirante sindaca con promessa di tempo pieno. "Qualora fossi eletta, sarei un sindaco non stop e sono pronta a dedicare al comune e al paese tutte le mie energie".