Skyline di Milano
Skyline di Milano

Milano, 10 aprile 2019 - Milano 'brilla' in Europa per gli investimenti immobiliari e, nel prossimo decennio (2019-2029), si posizionerà al primo posto con una stima di investimenti di 13,1 miliardi, davanti a Monaco (10,8 miliardi), Amsterdam (10,2), Stoccolma (9,5), Dublino (9,1) e Madrid (8,7 miliardi). Lo afferma il Rapporto 2019 di Scenari immobiliari realizzato in collaborazione con Risanamento, che confronta Milano a città ritenute omologhe, escludendo le 'grandi capitai' Londra, Parigi e Berlino. Nel 2018 il capoluogo lombardo è stato primo anche per tasso di investimenti immobiliari dall'estero: con circa il 48% del totale degli investimenti privati arrivati da progetti real estate di operatori internazionali, Milano ha battuto ancora Monaco e Barcellona (40%), distanziando di molto Madrid (30%), Amsterdam (27%), Bruxelles e Vienna, che contano il 20% degli investimenti complessivi nel settore immobiliare in arrivo dall'estero.

Secondo il Rapporto 'A star is born, Milano guarda oltre: ambizioni di una città', complessivamente nei prossimi anni nel capoluogo lombardo i più rilevanti interventi di trasformazione urbana ed edilizia attualmente in corso o previsti interesseranno una superficie territoriale di circa 12,5 milioni di metri quadrati che potrebbe generare una superficie sviluppata di 6,3 milioni di metri quadrati, concentrata prevalentemente nel settore residenziale (2,7 milioni di metri quadrati), terziario (1,3 milioni di metri quadrati), commerciale (1 milione di metri quadrati) e funzioni pubbliche di interesse sociale-collettivo (quasi 650 mila metri quadrati).

In un arco temporale relativamente breve, ipotizzabile in 15 anni, le più rilevanti trasformazioni in atto o previste sull'intero territorio metropolitano, interesseranno prevalentemente superfici sviluppabili rivolte alla realizzazione una rinnovata offerta residenziale (43% della Slp), trophy asset direzionali (20%), commercio (16%) e sviluppi immobiliari di interesse sociale-collettivo quali strutture ospedaliere, campus universitari, centri di ricerca scientifica, tempo libero e sport. Un cambiamento che determinerà un impatto sul mercato immobiliare stimabile nell'ordine di grandezza di almeno 21 miliardi di euro di valore aggiunto concentrato per oltre la meta (60%) nel comparto residenziale. Solo nel prossimo quinquennio (2019-2024), le principali trasformazioni urbane già avviate riverseranno sul mercato immobiliare di Milano una superficie complessiva di 730 mila metri quadrati con un impatto di valore aggiunto di circa 2,9 miliardi. Le superfici oggetto di sviluppo sono concentrate prevalentemente nel comparto residenziale (30% della Slp) e commerciale (29%). Il settore terziario e dei servizi di interesse pubblico occuperanno una quota di nuova superficie sviluppata rispettivamente del 23 e 18 per cento.

"Milano nei prossimi anni ha un patrimonio di iniziative di sviluppo urbano tra i più alti tra le città comparabili, con un potenziale attrattivo di investimenti immobiliari mai visto negli anni passati", ha commentato Davide Albertini Petroni, managing director di Risanamento. "Le nuove sfide che Milano dovrà affrontare nei prossimi anni riguardano principalmente le aree meno centrali dove sono posizionate le nuove opportunità di sviluppo urbano e le future strategie di una rinnovata visione della città", ha aggiunto Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari.