ANDREA SPINELLI
Cultura e Spettacoli

Sfera Ebbasta in concerto a San Siro: “Io combatto, non mi accontento”

La scalata del rapper di Cinisello fino allo stadio “tempio del rock” per due live. Sul palco con lui ci sarà Anna, per duettare in “Ciao bella”

Sfera Ebbasta

Sfera Ebbasta

Milano, 23 giugno 2024 – Ansie da “King” della trap. "Tra cinque anni come riuscirò a essere ancora sulla cresta dell’onda?" si domandava Gionata Boschetti, per le torme di fans adoranti semplicemente Sfera, Ebbasta, ai tempi della pubblicazione di “X2VR” (per i non iniziati, rielaborazione del suo album di debutto del 2015 “XDVR”, “per davvero”, aggiornata alla nascita del figlio Gabriele), timori a cui danno risposta i due concerti milanesi che lo vedono protagonista domani, lunedì 24 giugno, e martedì 25 tra i sacri spalti del “Meazza”.

I brani in scaletta

All’illuminazione rosso-passione che avvolge il palco durante le acrobatiche coreografie scelte per anticipare il suo ingresso in scena con la potenza lirica dei “Carmina Burana” di Carl Orff, l’idolo di Cinisello fa seguire un avvio tra lingue di fuoco che precipitano lo stadio in una bolgia infernale di una maratona che spazia da “Cupido” a “Mi fai impazzire”, da “Happy Birthday” alle nuove “Ciao Bella” (al “Meazza” ci sarà Anna, co-protagonista del pezzo, appena arrivata in testa alla classifica di Spotify con la sua “30°”?) o “Vdlc”.

La poetica di Sfera

Una trentina di titoli affrontati su una scena abbacinante assieme ad undici ballerini e sei tracciatori chiamati ad innalzare con le loro spericolate evoluzioni l’adrenalina dello show. Per Gionata-Sfera la vita è un rompicapo che deve trovare gli incastri giusti, proprio come questo spettacolo. "Il successo è figlio di tanti fattori che devono, però, prendere la direzione perché arrivi – dice –. Ovviamente tutto parte dalle tue capacità, ma ci vuole anche una buona dose di fortuna. Anche se io continuo a farmi inseguire dalla mia ombra convincendomi dopo ogni traguardo di averne un altro da raggiungere e di non essere mai arrivato".

Con compagna e figlio, che porta il nome del padre perso quando stava sui banchi di terza media, il “Famoso” sembra aver trovato un punto fisso attorno a cui far ruotare la sua esistenza di popstar. Senza, però, smettere di stringere i denti, perché "se hai un’idea e non combatti, rimarrà sempre e solo un’idea". E questo roboante doppio live nella “Scala del calcio“ ne è un esempio.

I biglietti

Due celebrazioni della trap ufficialmente esaurite già da tempo per gli organizzatori, ma non per Ticketone, che continua a vendere biglietti di entrambe le date per il III Anello Blu, per il III Anello Verde e per i posti a visibilità limitata di tutti e tre gli anelli.