Elisabetta Sgarbi alla presentazione de 'La Milanesiana 2019'
Elisabetta Sgarbi alla presentazione de 'La Milanesiana 2019'

Milano, 21 maggio 2019 - Compie 20 anni 'La Milanesiana', la rassegna culturale ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, che si terrà dal 10 giugno al 23 luglio a Milano e in altre città italiane. Con l'edizione 2019 il festival punta non solo a celebrare l'anniversario, il suo e molti altri a cui sono dedicati incontri e approfondimenti, ma rilancia: al ricco palinsesto, con 65 appuntamenti, 210 ospiti internazionali e 12 mostre, si aggiunge la voce dell'economia, con gli appuntamenti a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana. Si rafforza poi il carattere itinerante de La Milanesiana, che avrà sempre il suo cuore a Milano ma approderà per la prima volta a Roma, Venezia, Brescia, Gardone Riviera, Pavia e Lodi.

«Il programma della ventesima edizione è un continuo rilancio - ha detto Elisabetta Sgarbi nel corso della conferenza stampa di presentazione del palinsesto 2019 - La Milanesiana racconta un'Italia piena di energia, di speranza». Proprio la speranza è il tema di questa edizione, a cui Claudio Magris (Premio Strega 1997) dedicherà una lectio magistralis, dal titolo 'Cosa posso sperare', al Piccolo teatro studio Melato (28 giugno). Sul fronte della letteratura, cuore della rassegna, saliranno sul palco tre Premi Nobel come Wole Soyinka, John Coetzee e Gao Xingjian, tre Premi Pulitzer, tra cui quello del 2019 Richard Powers. Anche la filosofia e la scienza avranno un ruolo centrale, con la lectio magistralis di Massimo Cacciari sul tema giustizia e speranza, che si terrà il 27 giugno sul palco del Piccolo Teatro Grassi. Spazio alla musica con Dori Ghezzi e Cristiano de Andrè (1 luglio) per ricordare i 20 anni dalla scomparsa di Fabrizio, poi con Dente, Omar Pedrini e Vinicio Capossela. Tra le 12 mostre da menzionare quella al Piccolo Teatro Grassi '20 anni di Milanesiana. 30 anni di Teatri Unitì che sarà inaugurata il 26 giugno anche da Toni Servillo