Zoe e Pietro, 14 anni, portabandiera in Corea alle Olimpiadi invernali

Due giovani atleti di San Donato Milanese, Zoe Bianchi e Pietro Rota, sono stati scelti come portabandiera per l'Italia alle Olimpiadi giovanili invernali in Corea del Sud. Hanno concluso al decimo posto, ricevendo l'apprezzamento del pubblico coreano.

Zoe e Pietro, 14 anni, portabandiera in Corea alle Olimpiadi invernali

Zoe e Pietro, 14 anni, portabandiera in Corea alle Olimpiadi invernali

Uno dei ruoli più iconici dello sport: portabandiera olimpici. A interpretarlo, nel corso della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi giovanili invernali che si sono svolte dal 19 gennaio al 1° febbraio in Corea del Sud, sono stati due atleti di un team sandonatese.

Zoe Bianchi e Pietro Rota, entrambi classe 2009, sono stati scelti come alfieri azzurri per l’evento conclusivo dei Giochi giovanili invernali, un’edizione record per la nazionale italiana in termini di medaglie ottenute. I due ragazzi non ancora quindicenni, che pattinano per l’Accademia del Ghiaccio di San Donato, alla prima esperienza in categoria junior, hanno concluso i Giochi al decimo posto, raccogliendo l’apprezzamento del pubblico coreano.

"È un vero onore e una grande emozione per la nostra città - dichiara l’assessore allo Sport Massimo Zuin - poter ammirare due atleti formati e cresciuti nel vivaio di una realtà sandonatese rappresentare la Nazione nella principale vetrina dello sport mondiale. Zoe e Pietro rappresentano il vertice di un movimento, il mondo sportivo cittadino, che coinvolge centinaia di bambini e ragazzi di tutte le età, dando loro la possibilità di praticare una vasta gamma di discipline, dal livello amatoriale fino ad arrivare a competere su straordinari palcoscenici internazionali".

A San Donato Milanese come in altri contesti, lo sport giovanile ha lo scopo di creare occasioni di aggregazione, inclusione e comunanza, ma anche di coltivare talenti, preparando il terreno per un passaggio, laddove ce ne siano i presupposti, dal mondo dilettantistico a quello dell’agonismo.

A. Z.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro