Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Volontari morti sull’A14, l’autista patteggia

Due anni e tre mesi al camionista che causò l’incidente fatale a Elisabetta Barbieri e Federico Tonin e il ferimento di due persone

roberta rampini
Cronaca
A sinistra l’incidente sulla A14 del 7 febbraio; a destra, Elisabetta Barbieri
A sinistra l’incidente sulla A14 del 7 febbraio; a destra, Elisabetta Barbieri
A sinistra l’incidente sulla A14 del 7 febbraio; a destra, Elisabetta Barbieri

di Roberta Rampini Ha patteggiato due anni e tre mesi Sebastien Marco Titta, 24 anni, di Recale (Lecce), il camionista che il 7 febbraio scorso causò l’incidente stradale sulla A14 costato la vita agli staffettisti Elisabetta Barbieri 62 anni di Rho e Federico Tonin, volontario 46enne di Arconate. Lo ha deciso il Tribunale di Pesaro. Il legale di Titta aveva chiesto una pena inferiore ai due anni per beneficiare della sospensione condizionale, ma il Gup Giacomo Gasparini e il pm titolare Giovanni Fabrizio Narbone hanno ritenuto troppo esigua la richiesta e al termine dell’udienza è arrivata la sentenza di condanna. L’accusa nei suoi confronti era di omicidio stradale con l’aggravante di aver causato il decesso di più persone. Al camionista è stata comminata anche la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida per due anni. Il tragico incidente stradale avvenuto all’altezza di Gradara (Pesaro) aveva provocato anche il ferimento di altri due volontari milanesi che viaggiavano a bordo del Fiat Ducato dell’associazione no profit di tutela ambientale “4Zampe nel Cuore”. Secondo quanto ricostruito dall’inchiesta, il camionista alle 4.55 (quindi in orario ancora notturno) stava percorrendo l’A14 alla guida di un autoarticolato con semirimorchio in direzione nord quando, "per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza di norme della circolazione stradale, ed in particolare dell’art. 141 comma 2 del Codice della Strada, avendo omesso di conservare il controllo del veicolo condotto e di essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizioni di sicurezza", aveva invaso la piazzola di sosta schiantandosi contro la parte posteriore del semirimorchio di un Tir in sosta. Aveva poi sbandato e impattato contro il new jersey centrale, finendo in posizione obliqua e ostruendo la viabilità su tutte le corsie di marcia. In quel momento stava arrivando il furgone dei 4 staffettisti, che trasportavano cani ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?