Affittava la sua casa popolare a una famiglia per 900 euro al mese: denunciato

Milano, la truffa scoperta dalla Polizia locale: l’alloggio è nel quartiere Gorla

Polizia locale a Milano (Archivio)
Polizia locale a Milano (Archivio)

Milano, 2 dicembre 2023 – Da maggio incassava 900 euro al mese di affitto da una famiglia di cittadini peruviani, composta da tre adulti e tre bambini. Peccato che quella casa di via Sant'Erlembardo, in zona Gorla, non fosse di sua proprietà, bensì di Metropolitana Milanese, la municipalizzata che gestisce le case popolari comunali per conto di Palazzo Marino. Così la ventottenne di origine romena che ha subaffittato l'alloggio che le era stato assegnato è stata fermata per truffa aggravata dal Nucleo tutela demanio e patrimonio della polizia locale, una squadra specializzata di via Beccaria composta da un ufficiale e tredici agenti.

L'intervento

I ghisa sono intervenuti ai primi di novembre per effettuare controlli con MM sulle cantine condominiali e su un appartamento, proprio quello in uso alla ventottenne indagata. Nel 2023, il nucleo ha effettuato un centinaio di sgomberi in flagranza tra case MM e case Aler e ottanta interventi programmati con i tecnici di MM.

I numeri

Inoltre, nel corso dell'anno, i vigili hanno effettuato circa 250 interventi tra recuperi di alloggi per inquilini deceduti e controlli di parti comuni come solai e cantine, recuperando anche 18 chi di sostanze stupefacenti " Grazie a questi agenti della polizia locale, il nucleo che lavora 7 giorni su 7 nelle case popolari del Comune e di Aler, per impedire le occupazioni abusive, per portare sicurezza nei quartieri popolari, per fare in modo che le case popolari siano assegnate a chi ne ha bisogno e aspetta da tempo - il commento su Facebook dell'assessore alla Sicurezza Marco Granelli -. Abbiamo rinforzato questo nucleo, che ha raddoppiato nel 2023 gli interventi. Grazie alla loro competenza e generosità: ci sono sempre e bene. E grazie alla costante collaborazione con chi gestisce le case popolari come MM: insieme, così si gestiscono bene le case dove nei nostri quartieri abitano tante famiglie".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro