Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

Tra fotocopie, uscite congelate e attività utili

Nelle pieghe dei Pcto: l’alternanza scuola-lavoro è superata. I presidi: "Complesso il rapporto con le imprese, bisogna scegliere bene"

simona ballatore
Cronaca
Studenti in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro. Nel sondaggio pre-Covid il 57% ha fatto cose non inerenti ai corsi
Studenti in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro. Nel sondaggio pre-Covid il 57% ha fatto cose non inerenti ai corsi
Studenti in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro. Nel sondaggio pre-Covid il 57% ha fatto cose non inerenti ai corsi

di Simona Ballatore Sono stati "congelati" durante la pandemia, dirottati a distanza insieme alle lezioni. E lì sono rimasti in molte scuole tra un’ondata e l’altra. Sono i Pcto, acronimo che sta per “percorsi di competenze trasversali e per l’orientamento“: valgono 210 ore negli istituti professionali, 150 ore negli istituti tecnici, 90 ore nei licei. Sotto l’insegna Pcto - debuttati al posto dell’alternanza scuola-lavoro poco prima del Covid (non sono affatto sinonimi) – un ventaglio di esperienze diverse. Di qui gli schieramenti tra chi si batte per chiederne l’abolizione e chi li richiede con forza nella loro veste originale, oltre i cancelli della scuola. "Ci siamo ingegnati in questi mesi. In parte le attività stanno continuando con l’esperto in classe o in laboratorio, abbiamo realizzato per esempio un percorso per amministratore di condominio. In parte sono tornati in presenza all’esterno, come succede col Politecnico – spiega Maria Rizzuto preside del tecnico Cattaneo –. A giugno, se la situazione lo consente, si potrà tornare negli studi di architettura o nelle imprese, stiamo riprendendo i contatti. Un lavoro non da poco: abbiamo tre referenti, coinvolgiamo le famiglie. Le proposte devono essere vagliate una a una, devono essere formative e fatte bene, visti i recenti fatti di cronaca". Stesso discorso vale al liceo: "La pandemia ha portato un incremento inquietante del Pcto a distanza – ricorda il preside dello scientifico Volta, Domenico Squillace –, adesso vedremo di tornare alla normalità. il rapporto con le aziende è complesso, bisogna sapere scegliere bene. C’è chi finisce per fare fotocopie e porta caffè in riunione. E non tutte le aziende hanno personale da distaccare per seguire lo studente. Io sono dell’idea che questi percorsi servano soprattutto perché mettono in relazione gli studenti con persone e realtà diverse, devono essere esperienze significative indipendentemente da quello che faranno poi. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?