Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Tangenti per le mense, 11 arresti "Per nove anni qua sono a posto"

L’indagine della Guardia di finanza coordinata dalla Procura di Milano ha fatto emergere un giro di tangenti: denaro, regali, assunzioni di mogli o compagne e addirittura il pagamento di rate annuali

mario consani
Cronaca
Inchiesta della Guardia di finanza coordinata dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Giovanni Polizzi e Giovanna Cavalleri
Inchiesta della Guardia di finanza coordinata dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Giovanni Polizzi e Giovanna Cavalleri
Inchiesta della Guardia di finanza coordinata dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Giovanni Polizzi e Giovanna Cavalleri

di Mario Consani

"Aoooo, per 9 anni è apposto qua, fino al 2030 è apposto, u travagghiu l’haiu (il lavoro ce l’ho, ndr), grande vittoria, sono il numero 1, tutto organizzato, tutto, dalla A alla Z, minchia sono uno stratega". Non si può dire che mancasse di autostima Carmelo Sparacino, 62enne di origini ragusane, rappresentante della Fabbro Food spa, anche se forse non aveva previsto di finire in carcere quando una sera di fine ottobre era rientrato in casa euforico nel comunicare alla moglie l’esito favorevole di un appalto da 18 milioni di euro con il Comune di Buccinasco. Secondo la Procura di Milano, Saracino, grazie ai suoi mille contatti, era il protagonista indiscusso di una rete di affari e favori che si sarebbe tradotta in appalti truccati tra quelli aggiudicati dai Comuni dell’hinterland e lombardi forse consapevoli o forse no (il vicesindaco di Mediglia è indagato). Ieri otto persone sono finite ai domiciliari e tre in carcere per queste vicende, tra cui proprio la "leggenda" (parola sua) Sparacino. Per l’accusa, una storia di corruzione diffusa venuta finora allla luce in almeno undici gare per l’affidamento dei servizi di ristorazione in scuole e Rsa e di pulizie in uffici pubblici, per un valore complessivo di 39 milioni di euro. Diversi i comuni coinvolti, da Buccinasco a Cornaredo, da Mediglia a Ranica e Flero. Stando alle indagini, quei contratti generavano una "tangente" compresa fra l’1 e il 3 % del prezzo posto a base d’asta. I nomi che si ritrovano nelle diverse commissioni che preparavano i bandi e poi in altre commissioni che avrebbero dovuto valutare le offerte erano spesso gli stessi, in virtù della loro indiscussa competenza, ma anche delle rispettive amicizie.

Sparacino, ma anche Massimo Manco, dipendente del Comune di Cornaredo, Massimiliano Rottigni, funzionario a Buccinasco, e la dietista Antonietta Monteleone, presenza fondamentale nelle commissioni per la refezione scolastica. Secondo l’accusa si facevano pagare in denaro e regali - biciclette di lusso, automobili -, ma anche in assunzioni di mogli o compagne, e persino a rate annuali come nel caso della gara di Buccinasco, con Sparacino orgoglioso di essere "apposto" fino al 2030. Certo, c’era il rischio che i titolari delle aziende con il passare del tempo non facessero il loro dovere. Ma Sparacino e i suoi amici, in quel caso, minacciavano guai grazie alla loro presenza nelle varie commissioni di controllo qualità. "Digli a Grigoli che se le cose non vanno come dico io, gli metto una penale ogni giorno", faceva sapere Monteleone. La quale, quando scopre che i suoi sodali Sparacino e Manco sono andati entrambi in pensione con quota 100, li prende in giro: "Ora bisognerà lavorare sul serio". E Carmelo pronto: "Sì, facciamo il trio dei ricchi e poveri...".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?