Quotidiano Nazionale logo
23 gen 2022

Sos famiglie, manca l’essenziale per la scuola

Impennano le richieste per comprare libri e materiale: "Mai così tante". E genitori chiedono dritte nel ginepraio delle quarantene

annamaria lazzari
Cronaca

di Annamaria Lazzari Alunni che fanno lezioni da remoto in bagno, unico luogo dove si riescono ad isolare nella loro casa popolare. Genitori alle prese con le complicate regole per la quarantena e l’isolamento dei figli, un ginepraio giuridico per i madrelingua e figuriamoci per chi non parla una parola di italiano. Una diffusa sofferenza economica che ha fatto impennare le richieste di aiuto delle famiglie per comprare l’essenziale per la scuola. Sono le situazioni che ogni giorno affrontano gli operatori del Punto Luce di Save The Children in zona Giambellino. "Nell’ultimo anno le doti educative – una quarantina in totale - sono state destinate al sostegno al diritto allo studio. Mai successo: nel passato erano prevalentemente finalizzate all’iscrizione a corsi sportivi o artistici. Ma nelle famiglie adesso mancano persino soldi per acquistare libri e corredo scolastico. Con la pandemia la loro situazione economica, già precaria, è diventata ancora più fragile" spiega Gaia Silvestri, coordinatrice del Punto Luce di via Bellini dove operano due équipe con sette operatori, più mediatore e psicologo. Il centro diurno di Save The Children, che opera dal 2014 in partnership con la Comunità del Giambellino, offre gratuitamente a bambini e ragazzi fra 6 e 16 anni della zona un sostegno allo studio tutti i pomeriggi da lunedì a venerdì e il sabato mattina. "Gli iscritti sono un centinaio, una quarantina dei primi anni delle superiori e il resto fra primarie e medie. C’è una netta preponderanza di figli di genitori stranieri: sono il 90%, di tutte le etnie, con prevalenza di egiziani". Il doposcuola è tanto più necessario col ritorno massiccio della didattica a distanza: "Rispetto al primo lockdown sono stati fatti passi avanti per la distribuzione dei device ma altre criticità sono rimaste le stesse di due anni fa. Ci sono studenti costretti a connettersi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?