Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
31 gen 2022

Quirinale, il sindaco di Milano Beppe Sala boccia i politici: "Draghi oltre il 2023"

Sul caso Quirinale, il sindaco, dopo le critiche ricevute sui social, sferza i partiti e invoca il proporzionale: "Servono nuove forze"

31 gen 2022
massimiliano mingoia
Cronaca
Italian President Sergio Mattarella (L), Milan's Mayor Giuseppe Sala (C) and Lombardia Region's Attilio Fontana at the La Scala opera house's gala season opener to attend Giuseppe Verdi's "Macbeth", Milan, Italy, 07 December 2021. The Scala opera house season opener is considered one of the highlights of the European cultural calendar.
ANSA/MOURAD BALTI TOUATI
Sergio Mattarella, Beppe Sala e Attilio Fontana alla prima della Scala
Italian President Sergio Mattarella (L), Milan's Mayor Giuseppe Sala (C) and Lombardia Region's Attilio Fontana at the La Scala opera house's gala season opener to attend Giuseppe Verdi's "Macbeth", Milan, Italy, 07 December 2021. The Scala opera house season opener is considered one of the highlights of the European cultural calendar.
ANSA/MOURAD BALTI TOUATI
Sergio Mattarella, Beppe Sala e Attilio Fontana alla prima della Scala

Milano - Boccia tutti i partiti, chi più chi meno, per la gestione dell’elezione del presidente della Repubblica. Spera che il premier Mario Draghi possa governare oltre il 2023, cioè anche dopo le elezioni politiche in programma il prossimo anno. Auspica che il Parlamento approvi una nuova legge elettorale completamente proporzionale per agevolare la nascita di nuove forze politiche e nuove idee. Il sindaco Giuseppe Sala scrive un duro post sul suo profilo Facebook, il giorno dopo l’elezione del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Un post che sembra un seguito di quello del giorno prima, in cui il primo cittadino milanese commentava così una foto che lo ritraeva con Sergio Mattarella lo scorso 7 dicembre al Teatro alla Scala: "La sera della Prima della Scala si sono alzati molti “bis!” all’indirizzo di Sergio Mattarella. E la stessa cosa è successa in tanti altri luoghi in Italia. La sua rielezione è stata voluta soprattutto dagli italiani. E questo è un fatto. Grazie Presidente!". Un messaggio che ha ricevuto circa 800 commenti, molti dei quali di questo tenore: "No, sindaco, è la lampante dimostrazione della inettitudine della classe politica che abbiamo espresso. Con tutto il rispetto per Mattarella". Pareri che Sala deve aver letto con molta attenzione, perché ieri di prima mattina, in un altro post, ha scritto di voler "tornare brevemente sulla rielezione del presidente Mattarella" e ha replicato così ai messaggi critici ricevuti, precisando la sua posizione: "Non è stata una pagina edificante per la classe politica (a cui io appartengo, sia chiaro). Poi, tutti i partiti e i leader politici hanno uguali colpe? NO. Quindi qualcuno può rivendicare meriti? Di nuovo NO. La gente, cioè chi ci elegge, oggi dà un giudizio negativo del nostro operato, non si può non comprenderlo". Partiti inadeguati al compito che avevano di fronte, dunque, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?