MARIACHIARA ROSSI
Cronaca

Proteina lanciata nello Spazio per curare le malattie neurodegenerative: una missione firmata Bicocca

L’ateneo milanese protagonista della prima ricerca medica avvenuta in orbita e sviluppata sulla base di un algoritmo matematico

Emiliano Biasini, biochimico e Pietro Faccioli, professore di fisica teorica

Emiliano Biasini, biochimico e Pietro Faccioli, professore di fisica teorica

Milano – Una proteina lanciata nello spazio potrebbe contribuire allo sviluppo di nuovi farmaci contro gravi malattie neurodegenerative e non solo. L’esperimento nominato Zeprion è decollato il due agosto dalla base di Wallops Island, in Virginia (USA), e verrà ricordato dalla letteratura scientifica come il primo esempio di ricerca nel settore medico avvenuta in orbita e sviluppata sulla base di un algoritmo matematico.

La missione vede l’Università Bicocca attrice protagonista del progetto, e ha come obiettivo portare sulla Terra una fotografia 3D della forma intermedia della proteina prionica, quella coinvolta nelle rare malattie neurodegenerative, prima che raggiunga lo stato finale e che dunque possa attivare il processo di demolizione delle cellule sane.

Approfondisci:

Dana Branzei vince fondi per la ricerca sulla progressione del cancro. Obiettivo? Terapie mirate

Dana Branzei vince fondi per la ricerca sulla progressione del cancro. Obiettivo? Terapie mirate

"Il metodo alla base della ricerca è stato brevettato nel 2016 - Pharmacological Protein Inactivation by Folding Intermediate Targeting - e si basa sull’identificazione di molecole terapeutiche in grado di distruggere le proteine coinvolte nel processo di ripiegamento – spiega Pietro Faccioli, professore dell’Università Milano-Bicocca e coordinatore dell’esperimento – fino ad ora mancava un tassello fondamentale, però: la possibilità di ottenere un’immagine ad alta risoluzione che confermasse lo stadio esatto in cui la proteina incriminata è ancora inerme e senza mezzi per attaccare. Abbiamo scoperto che questa fase intermedia può essere impiegata come strategia farmacologica ma per essere ripresa è necessaria l’assenza di gravità che in caso contrario interferirebbe con il processo di cristallizzazione dell’immagine".

L’arrivo della navicella sulla la Stazione Spaziale Internazionale, fornita di un vero e proprio laboratorio biochimico in miniatura realizzato da SpacePharma, è previsto per oggi alle 18. A quel punto si attiveranno dei sistemi automatizzati che impiegheranno la radiazione X prodotta con acceleratori di particelle, per fornire una fotografia tridimensionale del complesso con un dettaglio di risoluzione atomico. "Fra circa un mese avremo tutti i risultati a disposizione e potremo cominciare a lavorarci. È difficile fare delle previsioni su quando questa lavoro entrerà effettivamente in commercio ma potrebbe portare una reale rivoluzione per tutti i pazienti oncologici". Se a prima vista fisica teorica e biologia sembravano essere distanti anni luce, oggi, grazie anche a questo esperimento, c’è un motivo in più per investire in studi e carriere accademiche di tipo scientifico.