L'annuncio della Curva Nord era stato preciso: "Per l'ultima partita di campionato il 23 maggio a San Siro ci sarà una mega festa Scudetto che avrà inizio alle ore 9. La Curva Nord Milano preparerà qualcosa di sensazionale all'esterno dello stadio e festeggeremo insieme ai giocatori. Si raccomanda il rispetto delle normative Covid-19 come da decreto legge in vigore". Gli ultras dell'Inter, insomma, hanno da tempo annunciato l'intenzione di voler organizzare una serie di eventi per celebrare la conquista del 19esimo Scudetto

Sul tema, rassicurando la città, ha preso posizione il prefetto di Milano, Renato Saccone. “Comprendo il valore simbolico del luogo, ma non lavoriamo per le cartoline. Abbiamo sempre una visione generale di tutela della citta’ nel suo complesso. Quella manifestazione, spontanea e disorganizzata, l’abbiamo contenuta, evitando ogni possibile danno a persone o cose”.

“A Milano negli ultimi quattro mesi ci sono state 500 manifestazioni di piazza, che non hanno avuto ricadute ne’ sull’ordine pubblico, ne’ sull’incidenza dei contagi, che e’ stata preoccupante, ma pur sempre ridotta rispetto all’hinterland e alle altre province lombarde”. Il tema tifoserie e festeggiamenti rimane aperto per l’ultima partita di campionato, che l’Inter giochera’ a Milano, il 23 maggio. 

“Su quello che si puo’ pianificare, coinvolgeremo tutti i soggetti, pubblici e privati. Il percorso e’ stato gia’ avviato con l’accoglienza dei tifosi a San Siro al ‘ritorno’ dell’Inter in casa. Quel dispositivo sara’ in buona parte replicato, sia intorno allo stadio, sia sul resto della citta’. Mancano alcuni dettagli importanti, tipo l’orario della partita, che verificheremo nei prossimi giorni”.