Petizione europea sullo stadio del Milan: la Ue chiude il caso

La commissione Petizioni del Parlamento europeo ha chiuso la petizione di GreenSando su San Donato Milanese, consigliando una nuova focalizzata sullo stadio e la direttiva sul monitoraggio dei suoli. Co-fondatore: "Presenteremo una petizione più incisiva".

Petizione europea sullo stadio del Milan: la Ue chiude il caso

Il rendering del nuovo stadio del Milan

È arrivata ieri la decisione da parte della commissione Petizioni del Parlamento europeo di chiudere, dopo quattro anni di discussioni, la petizione presentata nel 2020 da GreenSando, associazione che si occupa della difesa del suolo della zona sud-est Milano e in particolare del comune di San Donato Milanese. Il co-fondatore dell’associazione, Luca Colapaoli, ha spiegato come inizialmente la petizione comprendesse tutta l’area del Comune, ma in seguito alle novità riguardanti il nuovo stadio che dovrebbe andare a sostituire San Siro, casa di Inter e Milan, l’attenzione si sia spostata solamente su questa particolare problematica.

La Commissione ha motivato la sua decisione con il lungo periodo di apertura della petizione e ha consigliato di presentarne una nuova che riguardi in particolare la zona adibita allo stadio e che tenga conto della nuova direttiva del monitoraggio dei suoli che proprio il Parlamento europeo dovrà approvare durante la prossima plenaria. "Nonostante siano stati elencati e declinati tutti gli impatti negativi del progetto, per regole che non ci sono chiare si è deciso di chiudere la petizione, vorrà dire che ne presenteremo quanto prima una nuova fatta in modo da essere più incisiva", ha commentato Colapaoli.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro