Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano, 13 gennaio 2021 - Non li fanno tornare a scuola? «Se la riprendono» e non la lasciano neppure di notte. Gli studenti del liceo classico Manzoni occupano da ieri mattina il cortile dell’istituto. Il “piano” era già pronto da giorni: sfruttare il cambio dell’ora per entrare e “conquistare” il cortile della scuola. Sono riusciti a fare irruzione in una cinquantina. 

«Dovevo esserci anche io lì dentro – ha raccontato Ivan Sciama Bandel, rappresentante degli studenti –. Ma per un imprevisto non ce l’ho fatta, in cortile si possono mantenere le distanze e seguire tutte le precauzioni anti contagio. Dal Manzoni è partito un grido, spero che tutte le scuole d’Italia lo colgano». Nel corso della mattinata, a seguito di una chiamata da parte della preside alle forze dell’ordine, gli studenti sono stati identificati e subito dopo nelle chat è impazzata l’ipotesi sgombero: in poco tempo, grazie al passa parola, circa un centinaio di ragazzi si sono radunati davanti a via Orazio 3. Tra gli studenti, anche alcuni genitori come Sabina Umberto Bona: «Mio figlio è dentro, sono fiera di lui – ha spiegato -. Questa azione dimostra quanto i ragazzi siano ormai stufi di essere presi in giro. Chissà magari chi ci governa ora li ascolterà».

All’interno tutto è stato organizzato nei minimi dettagli: il pranzo, a base di pizza, è stato consegnato dall’esterno, da amici, genitori e supporter, e lo stesso è stato fatto per la cena. Oltre ai sacchi a pelo e alle tende, gli studenti hanno portato anche gel igienizzante e mascherine. «Siamo stufi – ha ribadito Dario Del Prete -. La nostra è una azione doverosa che ci ha permesso di rientrare dove dovremmo essere di diritto. La scuola deve tornare davvero al centro del dibattito politico. La didattica a distanza deve finire. Chi ci governa deve smetterla di pensare che noi siamo oggetti con cui possono fare quello che vogliono». I ragazzi e le ragazze si sono divisi i compiti: c’è chi è referente Covid, chi si occupa del servizio sicurezza; c’è chi pensa all’approvvigionamento di cibo materiale dall’esterno e chi ridà vita al “media center”, immancabile ad ogni occupazione del Manzoni, per tenere i contatti con i giornalisti, inviare comunicati stampa e gestire i social. 

Alle 17,30, dopo la chiusura della scuola, alcuni degli studenti sono usciti dal liceo per permettere durante la notte il rispetto delle norme anti-Covid. E sono stati circondati da applausi. «Sarei voluta rimanere dentro con i miei compagni – ha sottolineato Caterina Smaldoni -. La scuola non dev’essere trattata come un burattino. Vogliamo riprenderci ciò che ci spetta». Una ventina di loro ha deciso di sfidare le temperature e di passare la notte lì in cortile, nonostante il freddo si facesse via via insopportabile. Tende montate, un indumento sopra l’altro, sacchi a pelo pronti. Ma in extremis sono riusciti a strappare un accordo: si dorme nelle aule. «Alle 14 usciranno e ci uniremo in un unico grande presidio», anticipa Smaldoni.

Il classico Manzoni, storicamente, è stato apripista nelle mobilitazioni: «Abbiamo un collettivo molto forte, parte da qui una protesta che riguarderà tutti gli studenti e altri istituti», ribadiscono dal Collettivo. Pronosticando un inverno “caldo”: dopo anni di manifestazioni virate più nell’autogestione e nella co-gestione, contro la scuola a distanza si “rispolverà” la formula dell’occupazione e la battaglia sarà discussa nelle prossime ore anche sui banchi del Tar della Lombardia, dopo il ricorso del comitato “A scuola!”.