Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022

Nai-Fossati, ballottaggio annunciato

Abbiategrasso come cinque anni fa. Tarantola, terzo incomodo, apre al dialogo: i suoi voti saranno decisivi

14 giu 2022
giovanni chiodini
Cronaca

di Giovanni Chiodini

Come cinque anni fa sarà il ballottaggio a decidere il nome del nuovo sindaco della città del Leone. Domenica 26 giugno Cesare Nai, il candidato del centrodestra, sfiderà Alberto Fossati, sostenuto da tre liste del centrosinistra. Il divario tra i due è poco superiore al 7%. Al voto si è recato solo il 47,47% degli aventi diritto, la più bassa percentuale di sempre. Il terzo incomodo, Luigi Tarantola, alla sua seconda avventura da candidato sindaco, ha migliorato di molto il risultato di cinque anni fa fermandosi al 23,26% (era di poco oltre l’8,06% nel 2017). Nai non si aspettava di vincere al primo turno. "Pronosticavo un ballottaggio come pronosticavo un calo dei votanti. Non ho mai creduto di poter vincere al primo turno. La volta scorsa c’erano ben sette candidati ed alcuni avevano iniziato molto prima la campagna elettorale. Stavolta i candidati sono usciti tardi" ha commentato il sindaco uscente. "Nessuna sorpresa per i consensi ottenuti dal centrosinistra mente invece devo fare i complimenti a Luigi Tarantola che ha ottenuto un risultato importante soprattutto grazie alla componente giovanile. Da parte mia devo ringraziare tutte le persone, uomini e donne, che sono entrati nelle nostre liste e hanno lavorato per ottenere consensi. Da domani dovremo tutti rimetterci a lavorare perché ad Abbiategrasso non è mai facile vincere una elezione se non con un lavoro impegnativo da parte di tutti". In merito al ballottaggio Nai esclude, al momento, apparentamenti. "La gente giudichi quello che abbiamo fatto e il nostro programma".

Molto soddisfatto è il candidato del centrosinistra Alberto Fossati. "Se si considera che partivamo da un 15% delle scorse elezioni questo 35% è davvero tanta manna. Adesso parte una nuova competizione, ancor più importante. Dovremo cercare di convincere con le nostre idee l’elettorato che in questa prima tornata ha votato per Tarantola, che ha ottenuto davvero un risultato lusinghiero. Vedremo se riusciremo". Unico neo l’assenteismo. "Che neanche un abbiatense su due abbia sentito il dovere di recarsi alle urne è davvero preoccupante. Dovremo riflettere". Sul ballottaggio Tarantola non chiude ai contendenti. "Dialogheremo con chi vorrà dialogare: sui programmi abbiamo delle differenze".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?