Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 mag 2022

Milano, la sfida dell’Europa e la beffa di Ema

28 mag 2022
achille colombo
Cronaca

Achille Colombo

Clerici*

Il rapporto 2021 dello studio “Tech Cities of the Future” di fDi Intelligence, testata del quotidiano Financial Times, dopo aver analizzato 76 città di 31 Paesi europei, ha stilato una classifica delle città europee più interessanti per start-up e imprenditori, collocando Milano al 18° posto; unica città italiana tra le prime 25. La classifica è focalizzata sull’ individuazione delle città europee con le prospettive più promettenti per le start-up, gli investimenti in tecnologia e innovazione. E fa sorgere un dubbio: la insoddisfacente collocazione di Milano è frutto di una prevenzione o di un ragionato giudizio di merito? La classifica si comprende meglio considerando che essa non contiene una valutazione assoluta, basata cioè sul “peso” delle singole città, ma relativa, fondata sulle prospettive favorevoli per i singoli operatori. Ma appunto sotto questo aspetto la classifica insoddisfacente (la città dovrebbe collocarsi almeno fra le prime cinque) deve far riflettere.

Milano è passata in questi ultimi vent’anni dall’esser, in campo culturale, socio-economico, istituzionale, il terminale gerarchico del sistema-Italia (in cui bastava lavorare e lavorare per vincere la sfida) all’essere uno dei terminali del sistema comunitario europeo: in cui la sfida si combatte sui piani di attrattività e competitività. Essa ha il compito e la responsabilità di guidare l’Italia nel confronto europeo. Ma ho l’impressione che il sistema-Paese si trasformi in una sorta di freno per i noti motivi legati alla storica disfunzione di alcuni settori, quali la burocrazia e la pubblica amministrazione, la giustizia, la rete infrastrutturale e dei servizi. Ma anche l’Ue non solo non ci aiuta nel compito, ma finisce per ostacolarci, in forza di alcuni meccanismi di formazione dell’azione politica europea che si sono nel tempo distorti e producono effetti distorcenti. Ad esempio l’azione programmatoria di governo della Comunità Europea nelle politiche di redistribuzione e riequilibrio di risorse e funzioni viene ormai spessissimo superata dalle decisioni politiche del Consiglio Europeo. Non abbiamo dimenticato la vicenda Ema-Agenzia europea per i medicinali destinata a Milano che ci è stata soffiata all’ultimo a favore di Amsterdam proprio a causa di una maldestra decisione politica. *Presidente Assoedilizia

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?