Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 giu 2022

"L’albo dei rider per i servizi? Attendiamo misure concrete"

8 giu 2022
andrea gianni
Cronaca
featured image
featured image
Protesta dei rider
featured image
featured image
Protesta dei rider

"L’albo dei rider? Bisogna capire come si tradurrà nella realtà, come si concretizzeranno i propositi di migliorare le condizioni di lavoro di queste persone". Mario Grasso, sindacalista della Uiltucs che da anni segue i rider e i lavoratori della gig economy, attende gli sviluppi dopo il primo passo sancito dall’emendamento approvato dal Consiglio comunale di Milano con 25 voti favorevoli e 8 contrari. Verrà inserita tra gli impegni del Documento Unico di Programmazione 2022-2024 la proposta al centro di una mozione proposta dai consiglieri dem Daniele Nahum e Natascia Tosoni per mettere a disposizione dei rider servizi, spazi di sosta e ristori con servizi igienici, corsi di sicurezza stradale e di lingua italiana.

Il testo, riformulato e sottoposto all’aula chiede quindi di impegnare l’amministrazione ad "attivarsi, anche presso gli enti superiori e competenti, per valutare le migliori modalità giuridiche e organizzative per poter costruire e realizzare un elenco dei rider operanti in città, come ad esempio un albo, la cui iscrizione sarà su base volontaria, atto a garantire dei servizi erogati gratuitamente dal Comune". Quella di spazi di sosta e servizi igienici in città è una richiesta rilanciata da anni anche nei tavoli con le piattaforme del delivery, rimasta per ora lettera morta. Così come è irrisolto il problema delle biciclette caricate sui treni dei pendolari.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?