Don Diego Minoni
Don Diego Minoni
di Roberta Rampini La notizia è stata comunicata ufficialmente da monsignor Luca Raimondi, vicario episcopale per la zona pastorale di Rho e vescovo ausiliario della Diocesi di Milano, alla messa prefestiva di sabato sera: don Diego Minoni è stato richiamato. Tradotto: don Diego deve lasciare la parrocchia dei Santi Ippolito e Cassiano di Vanzago e rimettersi a disposizione dei padri Oblati. Da un giorno all’altro, dopo un...

di Roberta Rampini

La notizia è stata comunicata ufficialmente da monsignor Luca Raimondi, vicario episcopale per la zona pastorale di Rho e vescovo ausiliario della Diocesi di Milano, alla messa prefestiva di sabato sera: don Diego Minoni è stato richiamato. Tradotto: don Diego deve lasciare la parrocchia dei Santi Ippolito e Cassiano di Vanzago e rimettersi a disposizione dei padri Oblati. Da un giorno all’altro, dopo un anno e mezzo dal suo arrivo nella comunità pastorale vanzaghese. Per il momento senza cerimonie di commiato. L’annuncio, che ha stupito molti parrocchiani, è arrivato dopo mesi di malumori per le opinioni di don Diego sulla pandemia da Covid-19 e per il suo comportamento “no mask“ mai nascosto, anzi, spesso predicato ai bambini e adulti.

Posizioni non condivise da tutti i fedeli e che sono state anche oggetto di lettere in Curia con successivi commenti sui social. Il vicario episcopale non ha spiegato le ragioni della decisione, non ha fatto riferimenti espliciti all’atteggiamento del prelato rispetto all’emergenza sanitaria, ma quanto è successo negli ultimi giorni è ben chiaro ai vertici della Diocesi e forse ha affrettato una decisione che era già nell’aria. "Noi non siamo i giornali e non siamo i social, siamo la Chiesa e se prendiamo questa decisione c’è un motivo. Ringraziamo don Diego per il servizio svolto in parrocchia, l’arcivescovo è impegnato nella ricerca di un nuovo parroco che speriamo possa arrivare a Vanzago per l’estate". Nel frattempo sarà don Simone Maggione, già responsabile della pastorale giovanile di Pogliano Milanese e Vanzago, ad "amministrare" la parrocchia.

Don Diego, oblato vicario, era arrivato nella parrocchia S.S. Ippolito e Cassiano a settembre 2019 con l’incarico di "amministratore parrocchiale" che gli era stato rinnovato nel settembre scorso. Negli ultimi mesi la sua ostilità rispetto al fatto di indossare la mascherina, i suoi inviti ad abbassarla anche in luoghi chiusi e le sue idee sulla gestione della pandemia, erano diventate motivo di malcontento e preoccupazione da parte dei fedeli. Come l’annuncio del suo allontanamento dalla parrocchia, che non mette tutti d’accordo.