Quotidiano Nazionale logo
31 mar 2022

La grande truffa delle coop “usa e getta” Dieci miliardi sottratti a Inps ed Erario

Ogni anno l’istituto apre 600 fascicoli: crediti in fumo perché le società fallite sono scatole vuote "La frode è diventata sistema a Milano, anche in settori insospettabili". Accordo pilota con la Procura

diandrea gianni
Cronaca

di Andrea Gianni Società e cooperative "usa e getta", intestate a prestanome e create solo con lo scopo di evadere tasse e contributi, la cui "vita operativa si è ridotta a un anno". Vengono abbandonate con il loro carico di debiti, e i lavoratori trasferiti in una nuova società in una catena fraudolenta diventata "sistema" non solo nei settori più a rischio - logistica, servizi, edilizia e trasporti - ma anche in quelli finora immuni, come l’industria, coinvolgendo anche grandi gruppi internazionali. Un "fenomeno devastante" e particolarmente spiccato nel Milanese, secondo il pm Roberto Fontana, coordinatore del dipartimento della Procura di contrasto alle bancarotte e alle crisi d’impresa, che si riflette in un mare di denaro sottratto alle casse pubbliche. Su un totale di 20 miliardi di euro di passivo che riguarda le varie procedure fallimentari delle imprese attualmente aperte nell’area di Milano "la metà, ossia 10 miliardi di euro" sono crediti dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate, frutto di evasioni da parte di società. Quota aumentata negli ultimi anni: gli evasori, visto che le banche stringono le maglie dei finanziamenti e i fornitori sono più pressanti, puntano a schivare il pagamento di tasse e contributi con il meccanismo delle “scatole vuote“ o creando fatture false per generare crediti Iva inesistenti. E i soldi spesso sono impossibili da recuperare, quando scattano le indagini, perché le casse sono state svuotate e i veri titolari sono “fantasmi“. Restano processi inutili a carico di prestanome, e lavoratori con in tasca buste paga irregolari. Solo nel Milanese, l’ufficio legale dell’Inps in media apre ogni anno 600 fascicoli per il recupero di crediti attraverso le procedure fallimentari. La Procura di Milano e l’Inps metropolitano ora sono corsi ai ripari con un protocollo operativo - progetto pilota in Italia assieme all’apertura dell’ufficio specializzato in crisi d’impresa - finalizzato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?