Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 gen 2021

Il caso San Siro al Parlamento europeo

Procedura d’urgenza per discutere la petizione contro l’abbattimento. In calendario già per marzo o aprile

28 gen 2021
marianna vazzana
Cronaca
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte
Le statue del Duomo e, sullo sfondo, San Siro, lo stadio che Inter e Milan vogliono abbattere in gran parte

di Marianna Vazzana "È stata accettata con votazione unanime la procedura d’urgenza per discutere della petizione a sostegno della ristrutturazione dello stadio Meazza a San Siro da parte della Commissione Europea. La discussione in Parlamento potrebbe essere calendarizzata già per marzo o aprile". Lo annuncia il Comitato coordinamento San Siro, che raggruppa associazioni e varie realtà contrarie alla demolizione dello stadio e che propendono per un progetto di restyling alternativo al piano di fattibilità presentato da Inter e Milan a Palazzo Marino per la realizzazione di un Meazza bis e la rifunzionalizzazione dell’attuale impianto. La petizione “In difesa dello stadio pubblico Meazza a San Siro” è una carta in più da giocare: era stata inoltrata dal comitato alla Commissione Europea a dicembre ed era stata presentata richiesta di una procedura d’urgenza per trattare il tema dall’europarlamentare Eleonora Evi. Ora accettata. Quindi il futuro di San Siro ora è nell’agenda del Parlamento Europeo. "È davvero una buona notizia" commenta Gabriella Bruschi, presidente del Comitato coordinamento San Siro. Ancor più perché è stata una votazione unanime: dimostrazione che la questione stadio non è solo una storia di un quartiere e nemmeno di una sola città, bensì internazionale. Si può ristrutturare e ammodernare alla grande, mantenendo le sue caratteristiche iconiche. In questo modo non c’è necessità di costruire un nuovo stadio e distruggere il verde esistente". L’europarlamentare Evi aggiunge che "costruire quell’opera mastodontica significherebbe sostenere un enorme processo di cementificazione e perdere un’area verde di oltre cinque ettari". Con la petizione si chiede la tutela di un’opera pubblica evidenziando il valore storico e architettonico, l’importanza antropologica e la rilevanza paesaggistica del Meazza. Nel dettaglio i cittadini si battono "per la salvaguardia di una area pubblica di 5 ettari di verde profondo con alberi ad alto fusto, per fermare una speculazione finanziaria di società estere, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?