Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 ott 2021

Freddato per strada di giorno a Buccinasco: "Noi uniti contro la criminalità"

Seduta straordinaria della commissione antimafia. Un presidio "per testimoniare coesione"

23 ott 2021
francesca grillo
Cronaca
La seduta di commissione: al microfono Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico
Al microfono Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico
La seduta di commissione: al microfono Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico
Al microfono Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico

Buccinasco (Milano) - La seduta straordinaria della commissione comunale antimafia era stata chiesta a gran voce dai partiti di opposizione, voluta anche dal sindaco Rino Pruiti e dalla sua maggioranza, convocata pochi giorni dopo l’omicidio di Paolo Salvaggio. Un delitto senza ancora colpevoli: l’11 ottobre, il sessantenne è stato ammazzato a colpi di pistola in pieno giorno, alle 10 del mattino, in via della Costituzione, trafficata strada che attraversa la città. I killer, a bordo di un T-Max, hanno affiancato la bici di Salvaggio, noto broker della droga vicinissimo ai clan dei Barbaro e Papalia, uscito dal carcere per motivi di salute nel 2018, e lo hanno freddato in mezzo alla strada. Poi, sono scappati. Sulle loro tracce ci sono gli investigatori dei carabinieri di Milano e la Dda. Il numero uno della Direzione distrettuale antimafia Alessandra Dolci ha escluso una guerra di mafia: più probabile un regolamento di conti tra trafficanti di droga, giro da cui Salvaggio sembrava non essere uscito neanche dopo gli anni di carcere. Si è parlato soprattutto di questo evento che ha scosso la città durante la seduta straordinaria della commissione antimafia del Comune di giovedì sera, presieduta dal sindaco (vice presidente Alberto Schiavone, M5S). I partecipanti, componenti della commissione ma anche presidenti dei gruppi di altri Comuni e rappresentanti delle istituzioni, hanno espresso preoccupazione ma soprattutto "volontà di fare rete, di rimanere uniti. Su questi temi non si può essere divisi, bisogna lottare insieme, perché la criminalità organizzata è ancora sui nostri territori e non possiamo fare finta di nulla", hanno sottolineato il sindaco e il vice presidente Schiavone. Presente la consigliera Selene Pravettoni in rappresentanza della commissione antimafia regionale. Anche lei ha evidenziato la necessità di "conoscere il fenomeno per combatterlo, informarsi e avere gli strumenti per riconoscere gli atteggiamenti mafiosi". La necessità ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?