Foto di donne per dire basta al tumore al seno a Baranzate (con la prevenzione)

Foto di donne per dire basta al tumore al seno (con la prevenzione)

Foto di donne per dire basta al tumore al seno (con la prevenzione)

Torna nel mese della prevenzione, la mostra fotografica "Da quanto non lo fai?". Sarà esposta oggi e domani dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, nelle sala espositiva, ex chiesetta, di via Nazario Sauro a Baranzate. Sono 50 scatti in bianco e nero esposti in cornice, oltre a donne comuni, anche volti noti di attrici e sportive. L’idea nasce da una semplice domanda: "Quali donne possono essere colpite dal tumore al seno?". La risposta è molto semplice: tutte. Non ci sono differenze di età, religione, cultura, razziali o di professione. E allora via alle fotografie. La hostess, la casalinga, la studentessa, la pensionata, l’atleta, il medico, la negoziante, la ballerina, la pittrice, la scrittrice... e tante altre professioni. "Sono presenti anche una decina di fotografie con donne che si coprono il seno, mostrando la cicatrice dell’operazione. Sono appositamente stampate a colori, come segno di positività e speranza", spiega l’autore degli scatti, Davide Falco. La finalità dell’evento è la sensibilizzazione e informazione attraverso il linguaggio artistico al tema tumore al seno. Il progetto "Da quanto non lo fai?" ha volutamente utilizzato una domanda provocatoria al fine di domandare e far pensare alle donne da quanto tempo non si sottopongono a un esame preventivo o di controllo, indispensabile, dopo i 30 anni al fine della prevenzione.

Messaggio importante di solidarietà, integrazione sociale, attenzione e valorizzazione della figura femminile. Nella mostra anche volti noti: Elisa Di Eusanio e Silvia Mazzieri, la squadra della nazionale femminile sorde di pallavolo, poi Veronica Perseo, Laura Locatelli, Michela Andreozzi, Francesca Fogar, Alessandra Ierse e Sofia Goggia. La mostra è organizzata da Dietro la notizia, Mondodisabile.it. L’inaugurazione oggi alle 16 in presenza del sindaco di Baranzate Luca Elia e dell’assessore alle politiche sociali Zoe Bevilacqua.