Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 ago 2020

Ex Galbani, il giorno del riscatto

Le Officine Mak, colosso della rigenerazione urbana, si aggiudicano all’asta lo storico caseificio abbandonato.

6 ago 2020
barbara calderola
Cronaca
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»
Lo stabilimento dismesso in pieno centro rappresenta una «ferita aperta per la città»

di Barbara Calderola Un’altra ex gloria industriale, la Galbani di Melzo, finisce sotto i ferri di Officine Mak. E’ Daniele Consonni, ceo del colosso della rigenerazione urbana, ad essersi aggiudicato l’asta che ha fatto sudare sette camicie al sindaco Antonio Fusè. Non perché l’area sia pubblica – è privata – ma perché il vecchio caseificio di 90mila metri quadrati ormai simbolo del degrado, "è una ferita in pieno centro". Dopo tante attese deluse, - non si contano i costruttori che si sono fatti avanti negli anni ma senza mai impegnarsi, - alla fine è arrivata la svolta. E con "un nome" nel campo. Come raccontano gli interventi in cantiere, o appena completati, firmati dall’acquirente, tutti con lo stesso Dna: recupero di zone che sono state punto di riferimento, poli di sviluppo ormai in decadenza, sostituiti da case, negozi, servizi, opere pubbliche a scomputo oneri. Un copione che si ripeterà anche per il maxi-stabilimento melzese e le porcilaie in periferia. Il silenzio spettrale che ha preso il posto del vociare di centinaia di operai dopo il suono della sirena verrà di nuovo riempito. Due lotti, un’unica vendita, per il compratore che nel curriculum vanta la bonifica dell’ex Nokia, a Cassina, altra ferita per il territorio, con tanto di ristorante donato ai ragazzi di PizzAut, e il restyling dell’ex Idalium, a Vimodrone, il palazzo blu sulla Padana che presto lascerà posto a un nuovo quartiere. Mentre, all’ingresso di Cassano, la società realizza la nuova tenenza, presidio dell’Arma, dopo il trasferimento della Compagnia carabinieri a Pioltello. Non solo. A Concorezzo, Consonni ha ricucito lo strappo Frette, la teleria dei Savoia e di migliaia di famiglie e di hotel nel mondo, dopo la chiusura dello storico stabilimento brianzolo. La missione, dappertutto, è la stessa: "Riqualificare aree dismesse e ridonarle alla comunità", spiega l’amministratore delegato. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?