Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 lug 2022

Ecco la guida per viaggiare sereni col pet

20 lug 2022

Come partire per le vacanze in serenità coi nostri amici a quattro zampe? È il dilemma che sempre più famiglie italiane si trovano ad affrontare ogni estate e che, purtroppo, dà spesso origine ad abbandoni o a cessioni di proprietà. Per contrastare questo triste fenomeno e per dare un’informazione chiara e dettagliata l’associazione Gaia animali & ambiente ha pubblicato una guida online, con tutti gli accorgimenti e le norme per affrontare un viaggio sereno con cani, gatti e gli altri animali da compagnia: dalle informazioni sul trasporto in auto, in moto, in treno, in aereo, in nave a un preciso decalogo per la scelta della pensione per animali, nel caso in cui il pet non potesse venire con noi. Non mancano i suggerimenti per evitare il colpo di calore, al quale gli animali sono molto più esposti di noi. Sfogliando la guida – scaricabile gratuitamente dal sito www.gaiaitalia.it – si apprende, ad esempio, che i gatti soffrono più facilmente di mal d’auto, meglio collocarli sul sedile anteriore e coprire il trasportino con un panno per "ripararlo" dal mondo esterno mentre per i conigli, che non sudano, si può utilizzare un ventilatore da viaggio da applicare al trasportino. E se volessimo spostarci in moto portando con noi il nostro cane? Il codice della strada non lo vieta, purché custodito in apposita gabbia che non sporga oltre i cinquanta centimetri e non impedisca la visibilità al conducente. Regola aurea per tutti i nostri pet: per viaggiare nel territorio nazionale devono essere muniti di libretto sanitario o passaporto. "Uno degli obiettivi che vogliamo raggiungere – dice il peschierese Edgar Meyer, presidente di Gaia – è azzerare gli abbandoni. Nel nostro territorio questo fenomeno è decisamente calato, anche se esistono ancora piccole sacche di ignoranza. Continua però il fenomeno dell’abbandono mascherato, cioè di famiglie che soprattutto in estate trovano mille scuse per lasciare i propri animali nei rifugi, rischiando di portare le strutture al collasso e causando certamente dei traumi all’animale abbandonato. Oggi fortunatamente molti ristoratori e gestori di alberghi hanno capito che quello degli animali da affezione può rivelarsi un vero mercato, perché sempre più persone decidono di muoversi con il proprio pet". Valeria Giacomello

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?