Devastato il biciparking di Melzo (aperto meno di un anno fa): le telecamere inquadrano i vandali

Ore contate per chi ha preso a martellate i vetri dell’edificio. La sostituzione delle parti danneggiate costerà circa settemila euro.

Sia il Comune che Atm hanno sporto denuncia per danneggiamento e le indagini si stanno concentrando sui filmat

Sia il Comune che Atm hanno sporto denuncia per danneggiamento e le indagini si stanno concentrando sui filmat

Melzo (Milano) – Aperto da meno di un anno e purtroppo già nel mirino dei vandali: in due, per ora senza nome, sfasciano a mazzate cinque pannelli a vetro del biciparking M2GO di fianco alla stazione della metropolitana. Il danneggiamento alla velostazione, struttura dal concept moderno in vetro e acciaio, realizzata per favorire la mobilità dolce e che fornisce parcheggio sicuro a una sessantina di biciclette, è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Tutto risale a qualche notte fa.

La stessa notte, la stessa coppia aveva a quanto risulta infierito, dopo essersi impadronita di un martelletto d’emergenza antincendio, su uno degli ascensori per disabili montati a cura di Atm nello scalo. Si indaga, naturalmente, per risalire ai responsabili. Sia il Comune di Gorgonzola che Atm hanno sporto regolare denuncia ai carabinieri per il reato di danneggiamento e le indagini si stanno concentrando sui filmati. Nessuno stop tecnico a margine dello sgradevole episodio. Il biciparking continua a essere fruibile grazie alla particolare composizione antiframmento dei pannelli danneggiati, comunque, cautelativamente, protetti da nastro.

Le procedure per la sostituzione, che costeranno alla collettività circa settemila euro, saranno concluse con l’estate. La velostazione gorgonzolese, ricordiamolo, era stata inaugurata nell’aprile del 2023, dopo un lungo iter di progettazione e un cantiere al rallenty in fase finale causa difficoltà, qui come altrove, nell’arrivo di materiali e arredi: in particolare degli stalli per le biciclette, dal design particolare, ordinati in Germania. La struttura è dotata di 55 posti bici e una decina per e-bike. Vi si accede con tessera magnetica con abbonamento a prezzo calmierato ed è videosorvegliata h 24, circostanza che, si spera, sia utile a inchiodare i vandali notturni. L’investimento per il biciparking aveva superato i 165mila euro.Monica Autunno