Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

Contro il "graffitismo vandalico" un Manifesto anche per educare

Nella capitale italiana dei writer, anni fa erano oltre 24 mila gli edifici imbrattati, 100 milioni di euro i danni. Ora Assoedilizia e Comitati promotori lanciano una campagna di sensibilizzazione verso il degrado

11 giu 2022
sandro
Cronaca
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland
Un manifesto di associazioni e cittadini che si battono per il decoro urbano a Milano e nell’hinterland

Sandro Neri Quando, anni fa, Assoedilizia provò a stimare i danni dei graffiti in Lombardia, la cifra toccava i 305 milioni di euro. Molti dei quali riguardanti la sola città di Milano, non a caso considerata capitale italiana dei graffiti. Lo confermavano, ancora una volta, i numeri: 24mila gli edifici imbrattati; pari a 100 milioni di euro i danni quantificati. Il fenomeno è tutt’altro che in regressione. "E dietro c’è un problema culturale, di carenza di educazione, prima ancora che di mancanza di repressione: questa d’altronde può rivelarsi efficace solo se supportata da altre azioni", sottolineano Salvatore Crapanzano e Fabiola Minoletti, presidente e vicepresidente del Coordinamento Comitati Milanesi e promotori, insieme ad Assoedilizia, di un Manifesto contro graffitismo vandalico e degrado. Un documento programmatico frutto del lavoro condiviso com molte altre istituzioni, dall’Avvocatura del Comune alla Polizia locale, dalle aziende di trasporto pubblico Atm e Trenord alla Procura di Milano. "Non è solo un problema di Tag sui muri dei palazzi - osserva Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia, da anni in prima linea nel contrasto al fenomeno - ma di vetrine rovinate, di danni ai vagoni dei treni e alle carrozze del metrò. Una vera aggressione, decisa con incosciente superficialità o, peggio, per il gusto di imbrattare". Inutile cercare alibi: "Aveva ragione l’allora sindaco di Milano Letizia Moratti quando affermava che, prima di decidere se si tratti di arte o non arte, occorre vedere se si tratti di atti leciti o meno". Di qui il fine del Manifesto. Uno schema di lavoro per cercare di riattivare sinergie e collaborazioni un tempo efficaci ma poi indebolite dal trascorrere del tempo e dal sopraggiungere di altre priorità. "Da quarant’anni a questa parte - continua Colombo Clerici - si è cercato di interpretare in modo diverso il fenomeno dei graffitari. A seconda delle amministrazioni comunali ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?