Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Il concerto di Radio Italia in piazza Duomo si farà: sì del Comune per il 21 maggio

La Giunta approva la richiesta di Radio Italia, nel 2020 e 2021 l’evento era stato cancellato per il Covid

massimiliano mingoia
Cronaca
L’ultima edizione del “concertone“ in piazza Duomo nell’era pre-Covid Quest’anno, finalmente, tornerà
L'ultima edizione del concertone in piazza Duomo

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

"Segnali di vita", avrebbe cantato il maestro Franco Battiato. Dopo due anni di emergenza Covid-19 e di stop ai grandi eventi di massa, torna il concerto di Radio Italia in Piazza Duomo. Un appuntamento che era diventato una tradizione per il capoluogo lombardo, ma che nell’estate del 2020 e del 2021 è saltato per cause di forza maggiore: troppo rischioso mettere migliaia di persone una vicina all’altra quando i contagi da coronavirus erano da allarme rosso. Nel 2022, però, la musica cambia, pandemia permettendo.

Sì, perché la Giunta comunale ha già approvato una delibera che dà il via libera alla realizzazione di “Radio Italia Live – Il Concerto’’ all’ombra della Madonnina. La data è fissata, 21 maggio, gli artisti saranno comunicati nei prossimi giorni. Non solo. Radio Italia ha chiesto a Palazzo Marino di rinnovare l’accordo di collaborazione anche per il 2023 e 2024. Certo, la prudenza non è mai troppa e nella delibera comunale si legge che "la realizzazione del concerto per l’anno 2022 rimane subordinata all’andamento della situazione sanitaria e alle norme governative e regionali di contrasto al Covid-19 in vigore". Ma a Palazzo Marino si respira aria di ottimismo e nello stesso documento sopracitato c’è scritto anche che "in questo momento di ripresa, l’Amministrazione comunale, per sostenere il comparto della cultura nel suo complesso, deve favorire processi di rilancio, pur nel pieno rispetto delle misure di sicurezza vigenti, per coordinare e sostenere iniziative di spettacolo e riavvicinare il pubblico agli spazi cittadini, stimolando il desiderio di vivere di nuovo l’esperienza unica dello spettacolo dal vivo". Parole dettate dall’assessore alla Cultura Tommaso Sacchi, che ha firmato la delibera che concede il sagrato di Piazza Duomo a Radio Italia e commenta: "È una gioia poter tornare a vivere momenti culturali del genere, pur nella prudenza e nell’attenzione che richiede il momento. Sicuramente il concertone di Radio Italia, ormai divenuto una tradizione per Milano, rappresenta in maniera evidente questo ritorno alle attività all’aperto di socialità e cultura". Piazza Duomo a capienza piena? Ancora presto per dirlo. L’assessore è prudente: "Vedremo i provvedimenti previsti dal Governo, passo dopo passo". Per ora l’impressione è che i grandi concerti estivi di massa all’aperto si svolgeranno, a partire da quelli allo stadio di San Siro e all’Ippodromo di San Siro, anch’essi stoppati per due estati di seguito causa coronavirus. Dunque anche in Piazza Duomo la folla potrebbe essere quella delle grandi occasioni, quando il Covid-19 non esisteva ancora.

Sempre in tema di concerti, la Giunta comunale patrocina il concerto di Arisa a sostegno dell’emergenza Ucraina al Teatro Lirico di via Larga il prossimo 4 aprile, un evento musicale organizzato e promosso dalla Fondazione Francesca Rava.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?