Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 mar 2018

Beyond the Castle, al Castello Sforzesco tuffo nel passato con la realtà virtuale

La Torre Falconiera rivive grazie al virtuale. Ed è difesa dagli arcieri

29 mar 2018
simona ballatore
MILANO - 28/03/2018 - BEYOND THE CASTLE - LA TORRE FALCONIERA DEL CASTELLO SFORZESCO VISSUTA IN REALTA AUMENTATA -  FOTO FASANI/NEWPRESS
Un arciere che accompagna fino alle Merlate del Castello (Newpress)
MILANO - 28/03/2018 - BEYOND THE CASTLE - LA TORRE FALCONIERA DEL CASTELLO SFORZESCO VISSUTA IN REALTA AUMENTATA -  FOTO FASANI/NEWPRESS
Un arciere che accompagna fino alle Merlate del Castello (Newpress)

Milano, 29 marzo 2018 - La macchina del tempo sta già scaldando il motore nella Torre Falconiera del Castello Sforzesco: da quest’oggi e fino al 31 luglio si attraversano le Merlate del Castello e si viene catapultati nella Milano di Ludovico il Moro e di Leonardo da Vinci. Benvenuti “Beyond the Castle”: la realtà virtuale interattiva sposa la storia e gioca con l’iper realtà per riportare coi piedi per terra, con qualche “nozione” in più e la curiosità di esplorare il simbolo di Milano e la città tutta. L’idea è nata da Marco Arena, 30 anni, fondatore della startup italiana “Beyond the Gate” ed ex «cervello in fuga». Si occupava di Economia dell’ambiente, ha lavorato per le Nazioni Unite, è gamer da sempre. «Ma ho voluto tornare in Italia per puntare sull’educazione dei giovani e il nostro petrolio, il patrimonio culturale – racconta – creando questo gioco fra intrattenimento e educazione». Primo esperimento di “Edutainment” targato “Beyond the Gate” è il Castello Sforzesco. Che ha benedetto l’iniziativa: «Il nostro castello è stato ricostruito con attenzione filologica e nei suoi dettagli – sottolinea Claudio Salsi, soprintendente –. C’è stata anche la collaborazione del dipartimento di Storia della Statale di Milano e l’iniziativa si inserisce in questo percorso di didattica museale di “Opera d’Arte” e di impegno per continuare a migliorare la fruibilità del castello, amato dai turisti e dai cittadini che lo inseriscono nel loro percorso quotidiano». A «testare» il gioco sono stati i ragazzini di un oratorio milanese. Entusiasti.

Si indossa la visiera, si afferrano le pulsantiere e ci si trasforma in arcieri di fine ’400: si rivede la Torre della Falconiera - ricostruita nei dettagli dall’architetto del virtuale Samuele Zanchi - e si affrontano prove mentre Eva, la voce guida, dispensa racconti storici e quiz. Sono riprodotti nei dettagli anche il laghetto di Santo Stefano e i Navigli e viene consegnata una mappa, prima del congedo. L’invito è uno: rivarcare l’arco e cercare i gioielli sopravvissuti, fra le collezioni dei Musei del Castello, bussando alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, passando dalla Porta del Soccorso. «Non sostituisce la realtà, la completa: ci si confronta con la storia, si gioca e si apprende», sottolinea l’assessore Filippo Del Corno, dopo essersi calato nei panni dell’arciere cuciti da Beyond the Gate che ha in serbo altri viaggi. «Ci sono 20mila castelli italiani – anticipa Arena – e presto vi faremo giocare con i cromosomi per scoprire come si duplica il Dna».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?