BOSSIPROC_OBJ_FOTO_4_15622427
BOSSIPROC_OBJ_FOTO_4_15622427

Milano, 11 luglio 2016 - "Ho saputo della mia laurea in Albania solo dopo questa indagine". Così Renzo Bossi durante il processo che lo vede imputato, per appropriazione indebita, insieme al padre e all'ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito. La laurea a cui si fa riferimento è quella ottentuta presso l'Università Kristal di Tirana. Quel titolo di studio, secondo l'accusa, sarebbe stato "comprato" con 77mila euro sottratti alle casse del partito. 

"VOLEVO STUDIARE IN AMERICA" - In particolare, il pm Paolo Filippini ha chiesto a Bossi jr. come mai nelle dichiarazioni pre-processuali, alla voce titolo di studio, avesse risposto "Diplomato".  "I documenti sulla mia laurea - ha detto il Trota - li ho visti solo quando sono stati pubblicati durante l'indagine e sono rimasto perplesso prima di tutto perchè la data di nascita scritta sul diploma di laurea è sbagliata". Bossi junior ha spiegato di non aver "mai saputo" che Belsito si fosse attivato per fargli conseguire il titolo di studio. "Dopo il diploma parlai in famiglia della mia volontà di andare a fare l'università in America per completare gli studi e poi tornare e dare alla causa del partito quello che avevo imparato, ma poi sono entrato in Consiglio regionale, vivevo tra la Lega e il Consiglio, e non mi sono più posto il problema".

MULTE PER 14MILA EURO - Per quanto riguarda il capitolo multe, Bossi jr. ha scaricato la responsabilità sui due autisti che «dal 2010 mi accompagnavano» e ai quali «misi a diposizione la mia macchina». «Di fatto - ha detto l'ex consigliere regionale  - le pagai io e mi trovai a fare la rateizzazione con Equitalia e a versare 14 mila euro». 

SOLDI DI FAMIGLIA - Sulla gestione dei soldi del partito, che secondo l'accusa venivano utilizzati dalla famiglia Bossi per proprie spese, il Trota ha spiegato: "Quando sono diventato consigliere regionale, la sfortuna era che con mio padre parlavamo solo di politica, non di amministrazione economica del partito". Durante il controesame, rispondendo alle domande degli avvocati, Bossi junior ha detto di non avere "mai chiesto soldi a Belsito" usando il nome di suo padre e ha assicurato che il senatur non ha mai seguito le questioni economiche relative alla casa di Gemonio, ristrutturata - secondo l'accusa - coi soldi del partito. "La ristrutturazione della casa l'ha seguita la mamma", ha affermato.

IL SENATUR - In aula c'era anche Umberto Bossi, che ha reso delle dichiarazioni spontanee. "Nella mia vita mi sono sempre occupato di politica ma sono sempre stato lontano dagli affari economici del partito. Perciò non ho mai interferito con le decisioni dell'amministrazione".  Il fondatore del Carroccio si è presentato in aula ma le sue condizioni di salute gli hanno impedito di prendere la parola. Così è toccato al suo difensore Matteo Brigandì leggere le sue dichiarazioni al posto suo. "Signor presidente - ha detto il legale a nome di Bossi - mi presento qui oggi per manifestare la mia completa e totale innocenza da ogni accusa. Non ho mai cercato nessuna scappatoia processuale, la verità e mia alleata".  Bossi si è poi difeso sostenendo che "Qui c'è solo qualche indizio, meri sospetti che appaiono infondati. Accuse programmate ma non dimostrate. Voglio essere giudicato al pari di qualsiasi altro imputato, come un amministratore di condominio". La sua, ha rivendicato per bocca del suo legale, è stata una vita tutta dedicata alla Lega Nord: "Fino alla malattia, ho sempre devoluto il mio intero stipendio di senatore al movimento". Poi, entrando nel merito delle accuse - che riguardano anche le spese di ristrutturazione di un appartamento a Roma -  ha assicurato: "A Roma non ho mai avuto immobili, nè di proprietà nè in affitto". Infine, un appello al giudice monocratico Maria Luisa Balzarotti: "Ripongo massima fiducia nella giustizia, sono certo di una serena valutazione dei fatti".

IL PROCESSO - Il processo, ribattezzato "The Family" dal nome della cartellina sequestrata nello studio romano dell'ex tesoriere, riguarda nello specifico i circa 500 mila euro di rimborsi della Lega Nord che, secondo l'accusa, 
Bossi e i suoi più stretti familiari (suo figlio Riccardo è già stato condannato a 1 anno e 8 mesi con rito abbreviato) avrebbero distratto dalle casse del partito e utilizzato per una serie di spese di natura personale, tra le quali, l'acquisto di auto di grossa cilindrata e di vestiti griffati, il pagamento di multe, i lavori di ristrutturazione nelle case di Gemonio e Roma, e i 77mila necessari per "comprare" la laurea all'Università Kristal di Tirana.