Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
5 mag 2022

Boom di musica e video on-line tra i giovani

5 mag 2022
ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

Durante la pandemia, in particolare nei periodi di lockdown, sono sbarcati in Rete moltissimi italiani che mai si erano collegati a internet. Lo hanno fatto per necessità e ora non riescono più a farne a meno. Inoltre, i più giovani, che già trascorrevano molto tempo nel web, sono ancora più dipendenti dalla Rete. Ascoltare musica o guardare video in Rete sono abitudini sempre più consolidate. In Italia, l’intrattenimento on-line è cresciuto del 44% nell’ultimo triennio. Il report "L’Entertainment nel 2022", elaborato da Comscore, società che si occupa di servizi su internet, evidenzia il ruolo che player come YouTube o Netflix stanno avendo nella trasformazione delle diete mediatiche digitali degli italiani. Sono 39 milioni i visitatori (pari al 96,2% della popolazione digitale italiana) ad aver fatto accesso a siti o mobile app della categoria ‘Entertainment’. Questo dato posiziona l’Italia tra i mercati con i più alti livelli di penetrazione dell’on-line entertainment, subito dopo Brasile (97,9%), Spagna (97%) e Stati Uniti (96,3%).

La forte crescita dell’entertainment è trainata da player come YouTube o Netflix ma anche da broadcaster nazionali e relative piattaforme video come Mediaset Infinity e RaiPlay. Boom per la fruizione di contenuti musicali (Spotify supera il 30% di penetrazione), anche attraverso lo streaming in sottofondo durante le attività quotidiane. Un minuto su cinque trascorso on-line viene infatti destinato a contenuti legati all’intrattenimento (20,4% sul totale tempo speso), secondo dietro solo ai social network (22,9%). La fascia di età 18-24 si conferma il principale pubblico con oltre un’ora e venti al giorno trascorse su siti e mobile app di intrattenimento, più del triplo rispetto a quanto registrato nella fascia over 45, a dimostrazione di come l’entertainment rappresenti un canale privilegiato per raggiungere le fasce più giovani.

*Docente di Dirittodell’informazioneall’Università Cattolica

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?