La terza C del liceo Berchet
La terza C del liceo Berchet

Milano, 12 luglio 2016 - Ricordate "I ragazzi della Terza C", la celebre serie Tv degli anni’80, un po’ eccentrici, poco studiosi salvo qualche eccezione? Ecco, cancellateli dalla mente, perché al liceo classico Berchet i ragazzi della Terza C sono quelli che qualsiasi prof vorrebbe portare all’esame. Tre "lodi", tre "cento" e 2 studenti con punteggi superiori al "90". Su 23 studenti in tutto. 2Siamo sempre stati una classe studiosa", spiega la "lodata" Bianca Citterio, il cui cugino e compagno di classe, Michele, ha preso “solo’’ "100". Per lei tesina sui vaccini e test di Medicina a settembre.

Anche per Edoardo Acerno, altra eccellenza della terza C, "non c’è nessun segreto. Siamo stati sempre molto bravi, anche i prof". Lui che ha portato una tesina sulla "Germania" di Tacito nella contemporaneità ora punta a Lettere classiche. "E Archeologia in futuro – aggiunge – voglio fare l’egittologo". In tutto le lodi in via Commenda sono 4 (Anna Dotti ancora in terza C, Giulia Lodigiani in terza F), i "100" 8 (Giulia Ursini, Carolina Citterio, Elisa Tremolada, Michele Citterio, Filippo Di Franco, Veronica Lucchetti, Viviana Fezzi, Fausto Negri, Lica Marie Talia, Chiara Zulberti e Federica Zonca), mentre in 18 hanno più di "90". "Ma è così tutti gli anni, anche lo scorso anno abbiamo avuto quattro 100 e lode", dice la vicepreside Raffaella Fantelli. Ma lo scorso anno erano meno i "100" e dal 2012 al 2014 le lodi erano state molto meno.

Escono, quindi, i primi tabelloni. Al Vespucci la terza prova in cucina o dietro al bancone con piatti e cocktail preparati dai maturandi per l’assaggio dei commissari "ha sicuramente giovato ai risultati finali – afferma la collaboratrice della preside, Maria Cristina Schirosi –. Abbiamo avuto un “100’’ come nel 2015 ma nessun bocciato. E voti più alti". A eccellere, Marco Garrini. Un "100" anche al Galilei-Luxemburg con Giulia Rizzo. 

In un altro liceo classico, il Carducci, solita serie di «100» (otto: Carla Angelillo, Giulia Casiraghi, Giulio Crespi, Giulia De Franco, Tabata GossoMino Minella, Lisa Nuzzi e Rebecca Repossi).Rebecca e Tabata, destinate rispettivamente a Ingegneria energetica e Scienze politiche, sono soddisfatte dei cinque anni in via Beroldo ma la prima reputa "l’esame sbagliato. Troppo nozionistico, non ha logica". Al Feltrinelli, la preside Annamaria Indinimeo nota «medie voto più basse. Temo i ragazzi sottovalutino l’esame». Tre "100" a Marco Morosini, Matteo Rovelli e Matteo Sanzi. Tre eccellenze anche al Tenca (Luca Ranieri, Guido Rolle e Francesca Neyrose Rizzi). Tornando al Feltrinelli, tutti sono stati promossi (tranne un privatista), persino i due ragazzi che Il Giorno aveva seguito: Kevin Galgamuge che con il suo drone all’orale ha conquistato 86 crediti e il cantante Alessandro Casillo. Per lui ora ben altra prova: le fan ora vogliono un nuovo disco.