La caserma di Bozzolo
La caserma di Bozzolo

Bozzolo (Mantova), 12 febbraio 2020 - Ora lo chiameranno tutti 'carabiniere-eroe' ma lui si schermisce. I fatti dicono però che senza il suo intervento due ventenni avrebbero potuto fare una brutta fine. Ore 8 del mattino a Bozzolo, paese della pianura quasi al confine con Cremona. Il maresciallo Einar Ronconi, 42 anni, da 4 comandante della stazione dell'Arma, sta percorrendo a piedi via Mantova. Ad un tratto vede del fumo uscire da una villetta a due piani. Si allarma, corre sul retro e si accorge che sul retro sta andando a fuoco un garage con dentro un'auto e una bombola di gpl. C'è il pericolo che socppi tutto da un istante all'altro. Il carabiniere chiede aiuto e si affaccia una signora, la proprietaria dalla villetta che nei pressi di casa ma non si era accorta di nulla. Avvisa il militare che nell'abitazione stanno dormendo la figlia e il fidanzato ventenni.

Allora il maresciallo, prese le chiavi, entra, sale al primo piano, sveglia i ragazzi e li fa correre all'esterno. Per i due giovani, il miltare e la signora tutto finisce con uno spavento. Intanto i vigili del fuoco riescono a domare le fiamme e a eliminare ogni pericolo, Ma la paura è stata tanta.