L'inaugurazione della fiera del bestiame di Codogno
L'inaugurazione della fiera del bestiame di Codogno

Codogno (Lodi), 21 novembre 2018 - La fiera zootecnica giunta alla 228esima edizione celebra i suoi migliori prodotti e capi bovini d’eccellenza pur in un momento di forte difficoltà con la produzione di latte nel lodigiano cresciuta di poco più dell’1 per cento, dopo che era salita del 5 per cento nel 2017, il calo del 7,2 per cento del prezzo della carne suina e gli allevatori in subbuglio per il prezzo del latte giudicato non remunerativo. Ieri, presso i padiglioni fieristici c’è stato il simbolico taglio del nastro alla presenza delle autorità ma sarà oggi la sfilata dei campioni della razza Frisona, la vera “regina” della kermesse.

Quest'anno è un expo da tutto esaurito e anzi gli organizzatori hanno dovuto dire di no a venti espositori per mancanza di posti: 219 standisti del settore zootecnico per un totale che si innalza a 294 se si contano tutti gli operatori presenti, anche dei prodotti agroalimentari. «Vogliamo credere nelle nostre eccellenze»- ha spiegato il sindaco Francesco Passerini nell’apertura della kermesse, momento in cui è stato presentato il latte della fiera di Codogno. «Abbiamo pensato di puntare ad una filiera corta ed ecco il latte prodotto a chilometro zero»- ha spiegato il primo cittadino. «L’agricoltura oggi deve essere un asse strategico ed occorre che i nostri prodotti finiscano nelle mense delle scuole perché i bambini possano apprezzare fin da piccoli le nostre eccellenze»- ha ricordato l’assessore regionale al territorio Pietro Foroni. «Dobbiamo fare conoscere i nostri prodotti e le nostre potenzialità e la sfida staproprio nel fare rete insieme- ha spiegato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Guido Guidesi. Sono intervenuti anche l’onorevole Claudio Pedrazzini, al prefetto di Lodi Patrizia Palmisani e il vescovo Monsignor Maurizio Malvestiti.

Alla fine della cerimonia riconoscimenti agli studenti migliori: Nicola Agustoni, Alice Praolini, Sara Furru, Nicolò Pesatori, Matteo Zazzi e Samuele Rossi dell’Itas Tosi sono stati premiati da Confartigianato, Confagricoltura e Rotary, mentre Inner Wheel ha consegnato la borsa di studio a Noemi Bongiorni del Liceo Scientifico. Durante la giornata sono proseguite le valutazioni dei capi bovini della mostra interprovinciale di razza Frisona con l’aggiudicazione della campionessa in serata. Ha letteralmente sbancato l’azienda agricola Sabbiona di Ciserani di Brembio che si è aggiudicata i primi tre posti con Sabbiona Futura Et (che ha vinto anche il premio nella categoria vacche adulte) , Sabbiona Allison e Sabbiona Ibana. primo posto anche nella categoria manze con Sabbiona Caroline. Oggi si terrà la sfilata e sarà il giorno clou della fiera con la possibilità di effettuare un tour all’interno del quartiere fieristico tra bovini, ovini, conigli, volatili, cavalli e una miriadi di stand di operatori del settore agricolo e dei migliori prodotti del territorio.