Polveri sottili
Polveri sottili

Lodi, 21 ottobre 2021 - Inquinamento alle stelle a Lodi e nella Bassa. Negli ultimi cinque giorni i valori di Pm10 nell'aria hanno superato il limite, fissato a 50 microgrammi per metro cubo. In città la centralina di viale Vignati per tutta la giornata di mercoledì ha segnato un valore medio di 85. Anche il Pm2,5 ha superato i limiti a Lodi. Una situazione che conferma però un trend che continua da troppi giorni e che preoccupa. Così la Regione ha deciso che da domani saranno attivate nella provincia di Lodi le misure temporanee di primo livello. Si prevedono quindi limitazioni al traffico.

I provvedimenti scatteranno per i Comuni con oltre 30mila abitanti (solo a Lodi nella provincia) e in quelli aderenti su base volontaria in fascia 1 e 2. In questo caso non possono circolare le auto di classe fino a euro4 diesel, comprese quelle dotate di filtro antiparticolato, dalle 8.30 alle 18.30. Per quanto riguarda le misure su riscaldamento e agricoltura, le limitazioni si applicano a tutti i comuni della provincia interessata dai superamenti continuativi e prevedono il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa, in presenza d’impianto di riscaldamento alternativo, con emissioni inferiori o uguali a 3 stelle; il limite a 19 gradi delle temperature all’interno degli edifici, con tolleranza di 2 gradi. In particolare, per quanto riguarda l’agricoltura, è vietato lo spandimento dei reflui zootecnici, salvo iniezione diretta o interramento immediato. La situazione, soprattutto a Lodi, è da tenere sotto controllo. Secondo il report Mal'Aria pubblicato a settembre scorso, la città ha già superato il tetto di 35 giorni nell’anno solare con una media di Pm10 giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo. Intanto, il Comune ha deciso di installare, entro dicembre, quattro nuove telecamere antismog che verranno utilizzate per il controllo dei veicoli in tre varchi.