Legnano, rapina da Mc Donald’s: incastrato dalle sue stesse foto pubblicate sui social

L’uomo si era immortalato con i medesimi abiti utilizzati durante il colpo che gli aveva fruttato 300 euro

La Volante ha rintracciato la vettura utilizzata dal malvivente per darsi alla fuga

La Volante ha rintracciato la vettura utilizzata dal malvivente per darsi alla fuga

Legnano, 22 febbraio 2024 – La Polizia di Stato di Legnano ha rintracciato il rapinatore che nei giorni scorsi aveva rapinato il Mc Donald’s. È un cittadino italiano di 40 anni, pregiudicato, che è stato indagato in stato di libertà per il reato di rapina aggravata. Il quarantenne ha ammesso le proprie responsabilità, ma nonostante questo non finirà subito in galera.

La Procura della Repubblica di Busto Arsizio ha in mano un solido quadro indiziario ricostruito con dovizia di particolari dai poliziotti di via Gilardelli. Per ritrovare il rapinatore solitario, sono state necessarie le testimonianze raccolte dagli agenti dalla Volante e la visualizzazione delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza privati e comunali, servite a rintracciare la vettura che l’uomo aveva utilizzato per darsi alla fuga subito dopo aver consumato la rapina.

Il malvivente è scappato verso via Morganti ed ha poi percorso via Pirandello in direzione di viale Cadorna, venendo inseguito per un breve tratto di strada anche da un addetto alle pulizie. L’uomo è risultato poi essere un cliente del noto esercizio commerciale. Sempre i poliziotti, approfondendo le ricerche anche mediante i social network, risalendo al profilo del quarantenne, hanno lì trovato alcune sue foto che lo ritraevano con gli stessi vestiti utilizzati il giorno della rapina.

L’uomo era entrato in azione con il volto coperto da uno scaldacollo e da un berretto e si era diretto verso la cassa e con in mano una pistola. Aveva poi intimato alle cassiere di consegnargli il denaro puntando l’arma al fianco di una delle due donne e poi, girandosi, alle spalle dell’altra, facendosi consegnare 300 euro, quelli rimasti in cassa che viene periodicamente svuotata.

Per fare una scrematura dei possibili indiziati, la polizia aveva anche utilizzato il classico album fotografico con le immagini da mostrare ai testimoni, che lo hanno subito riconosciuto come l’autore della rapina. Rapina che era stata commessa domenica 11 febbraio al McDonald’s di viale Cadorna a Legnano in pieno giorno, verso le 13.